Cronicario: Evviva il governo del cambiamento (della manovra)


Proverbio del 19 dicembre Nel letto stretto coricati in mezzo

Numero del giorno: 1 Crescita % Pil prevista dal governo nel 2019 (era 1,5)

La migliore della giornata la dice vicepremier Uno (o Due, fate voi) quando giura urbi et orbi che la nuova manovra partorita nelle fumose stanze di Bruxelles “è meglio di quella di prima”. Il tutto avendo anche la geniale trovata di presentarla come un successo. D’altronde da 2,40 di deficit a 2,04 il passo è breve. A patto di essere strabici.

E poiché al genio del governo del cambiamento non c’è mai fine, è tutto uno sprecarsi a spiegare che sì, meglio così, gli impegni sono stati rispettati, va tutto bene, nessun problema, contratto letto confermato e sottoscritto, mentre da lassù, a Bruxelles, dove qualcuno non ci ama, viene detto che il deficit strutturale, previsto a +0,8% l’anno prossimo si azzera e che l’Italia dovrà trovare altri dieci miliardi e rotti.

Ci sono anche perle meravigliose, come quella che le assunzioni per la Pa partiranno dal 15 novembre. Proprio all’inizio dell’anno nuovo insomma. Vi risparmio il resto, che già vi avranno rintronato. Vi ricordo solo che nel 2020 c’è una bomba Iva sotto forma di clausole di salvaguardia che ci aspetta al varco. Proprio come l’Ue che ha già fatto sapere che a gennaio vedranno la legge che approveremo in questi giorni per valutare se abbiamo rispettato i patti. Siamo osservati speciali, per la gioia dello spread che scende. Ma il governo del cambiamento esprime soddisfazione e noi con lui, perché il governo è stato di parola. Ha cambiato la manovra.

A domani.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.