Cartolina: Cara globalizzazione (statistica)


wb-international-debt-statistics-revisione-debiti-cinesi

Nulla è più relativo del dato economico. Dietro ognuno c’è un pensiero, una tecnica, una disposizione statale. Il numero economico è sfuggente, solitamente incompreso. Quindi accade, e di frequente, che i dati cambino non perché siano mutate le quantità – tre mele sono sempre tre mele non importa chi le conti – ma perché sono cambiati gli occhi di chi guarda, come ci racconta questa storia. L’amministrazione cinese State Administration of Foreign Exchange, SAFE, ha deciso di migliorare la qualità e la trasparenza delle statistiche del debito estero cinese (dal che deduco che prima i dati fossero scadenti e opachi) aderendo agli standard internazionali, gli Special data dissemination standard (SDDS). Un altro passetto della Cina verso la globalizzazione, stavolta statistica. La revisione ha classificato come debito estero ciò che prima non era, sicché il paese d’improvviso ha scoperto di averne assai più, sia a lungo che a breve termine. Nel 2014 i debiti quotavano 1,8 trilioni di dollari, 1.800 miliardi, l’85% in più di quanto non fossero prima della revisione. Il 70% era a breve termine. Ovviamente è tutta la struttura del debito a esser peggiorata. I rapporti debito/GNI e quello fra debito/esportazioni sono arrivati al 17,2 e al 64% dal 9,3 e 34,8%. Somigliare agli altri costa molto caro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...