Il nuovo numero di Crusoe: L’estinzione dei negozianti. Grazie a @liukzilla per la splendida Chat


Si chiama disintermediazione ed è il processo, frutto dell’evoluzione tecnologica, che sta cambiando sostanzialmente non solo il paradigma economico, ma anche quello sociale e politico. Le persone non vogliono più corpi intermedi fra sé e il proprio bisogno. Mi serve un passaggio? Uso una app che me ne trova uno non chiamo un tassista. Voglio informarmi? Vado a leggere la fonte, non compro un giornale. Mi serve un libro? Lo compro su Amazon, non mi serve un libraio.

Questa settimana su Crusoe osserviamo come la disintermediazione stia gradualmente facendo scomparire la vecchia professione del negoziante, ormai sostituito da un computer e uno spedizioniere. Nei prossimi numeri faremo altre ricognizioni, ma prima ancora bisogna comprendere che questa evoluzione è intrinseca nella nuova globalizzazione rappresentata dall’economia digitale, e poi che i corpi intermedi – e lo stiamo vedendo con la protesta dei tassisti – non si estingueranno senza combattere.

Questa settimana troverai anche una bellissima Chat con @liukzilla, che è un vero viaggio nella contemporaneità economica. Abbiamo chiacchierato amabilmente a lungo, quindi te la puoi godere poco alla volta. Alla fine avrai molto più chiaro di prima quello che sta succedendo intorno a noi, e speriamo ti aiuti a fare le scelte giuste ogni giorno.

La lettura della settimana è dedicata al rapporto Ocse sull’Italia, presentato pochi giorni fa a Roma. Viene fuori un paese complicato, con qualche progresso e tante cose da sistemare. Leggerlo aiuta a sapere e a capire. Infine, le nostre notizie invisibili, quelle che leggi solo su Crusoe.

Buona lettura. Ci rivediamo il 24 febbraio.

Crusoe è una newsletter che si può leggere solo abbonandosi. Tutte le informazioni le trovi qui.

Cronicario: Gli italiani tornano a emigrare. Stavolta coi soldi


Proverbio del 17 febbraio Chi è triste non si diverte neanche ubriaco

Numero del giorno: 200 Miliardi investiti all’estero dalla Cina nel 2016

Non mi dite che non lo sapevate perché lo sanno tutti: basta guardarsi intorno: gli italiani sono tornati ad emigrare. Prima del 2007 erano un 60 mila l’anno, quelli che espatriavano in cerca di fortuna. Nel 2014 sono arrivati a sfiorare i 160 mila, secondo gli ultimi dati Ocse.

migranti-italiani

Il grosso va in Germania, come ai tempi del magliari, perché  com’è noto l’italiano ama la tradizione, il freddo secco e la birra. E poi in Germania si rischia persino di viverci bene, guarda un po’. Un sacco vanno a Londra, molti in Svizzera, la Spagna regge ancora botta con la Francia, mentre Usa, Canada, Australia e Nuova Zelanda sono ancora poco gettonate. Lì aiuta essere biondi con gli occhi chiari. Sia come sia, “l’emigrazione di cittadini italiani è più che raddoppiata dal 2010 e il 2014”, nota l’Ocse. E così finalmente vi spiegate perché quel tale che abitava vicino casa vostra è sparito.

emifgrante

Prima che iniziate a versare lacrime ricordando il trisavolo sbarcato a Ellis Island, vorrei farvi notare che siamo nel XXI secolo e che nel frattempo il mondo è cambiato. E siccome vi so diffidenti, vi faccio vedere un altro modo per emigrare, che nel frattempo siamo diventati abilissimi a sperimentare.

bilancia-pagamenti-conto-finanziario

Ve la faccio semplice prima che vi viene il mal di testa. Quelli verde scuro sono i soldi che, secondo i dati di Bankitalia, abbiamo fatto emigrare di recente e non sono bruscolini: parliamo di centinaia di miliardi. Una volta si emigrava con la valigia di cartone. Ora si fanno emigrare cartonate di liquidi. Lasciamo che si ambientino, e poi magari li raggiungiamo là.

emigrantibank

Siamo migranti di seconda generazione. Addirittura di terza. Per questo ci piacciono così poco gli ultimi arrivati. Specie quando arrivano qua. E se adesso mi dite che ci sono un sacco di poveri disgraziati fra i nostri migranti scoprite l’acqua calda. La notizia – udite udite – è che ci sono anche un sacco di trilaureati poliglotti col borsellino capiente abbastanza da potersi permettere di aspettare prima di finire a lavar piatti per pagarsi la cena. Prima esportavamo solo miseria. Oggi un bel po’ di ricchezza, non solo finanziaria.

migrantecervello

Ma qui mi taccio perché il Cronicario aborre il tono serio, specie di venerdì pomeriggio quando si pensa ad altro, e giustamente. Ma prima ancora di abbandonarmi alla mia attività preferita

ozio-due

vorrei offrivi un paio di spunti da week end, ottimi per le discussioni da fuori a cena dopo il quarto shottino. Della serie come eravamo e come siamo:

famiglieitalia

con le famiglie mononucleari diventate maggioranza relativa, e il debito pubblico che esplode biforcandosi dal Pil dal 2007 in poi.

pil-e-debito

Il 2007 non è solo l’anno che sono ripartite le emigrazioni, ma anche quello in cui le famiglie mononucleari iniziano a superare quelle con due componenti. Cosa c’entra l’esplosione del debito con quella delle famiglie?

Ottima domanda. Datevi una risposta.

A lunedì.

Cartolina: Il bond del secolo


sovereign-borrowing-outlook-in-oecd-countries-2017-bond-ultra-lunghi

Viviamo tempi straordinari. E’ un’epoca che, malgrado si dica il contrario, nasconde profonde sacche di fiducia fra le pieghe dello sconforto. E dentro queste sacche ci sono ricchezze altrettanto celate dalla vulgata pauperistica, che piace tanto ai politici che campano sul piagnisteo e alle coscienze pelose degli osservatori, che discorrono d’ineguaglianza dall’alto di invidiabili provvidenze.  Soprattutto è un’epoca che incoraggia l’iperbole, somigliando in ciò al vivere economico di due secoli fa, quando le famiglie borghesi compravano titoli perpetui al 5% e così assicuravano rendite per sé e gli eredi, che mai avrebbero pensato questionate da rivolgimenti politici o guerre. Che invece arrivarono e distrussero ogni cosa. Oggi come ieri, e ce lo dice l’Ocse, la rendita (quasi) perpetua torna sul tavolo dei ragionieri dei governi, i gestori del debito pubblico, sotto forma di bond che arrivano a scadere fra cent’anni. La perfetta rappresentazione del secolo economico basato sul debito, che segna quest’epoca felice e insieme triste per il troppo benessere di alcuni a danno di altri. Il bond del secolo è stato emesso da Irlanda, Messico e Belgio. Altri governi si sono fermati a 70 anni, molti, compreso il nostro, a 50, tutti almeno a 30. In generale, il volume delle emissioni di bond oltre i 30 anni è triplicato dal 2006. E’ chiaro che ai governi, ai tassi minimi di oggi, conviene indebitarsi per periodi lunghissimi. Ma il vero eroe è chi lo compra un bond a 100 anni, poiché dimostra una fiducia commovente nel futuro. Dovremmo essergliene grati. 

Cronicario: Voglio aprire un conto alla Bce


Proverbio del 16 febbraio Un albero in fiore è visitato dagli insetti

Numero del giorno: 167,1 Costo medio di una settimana di affitto a Londra

Lo so che stanno succedendo tante cose importanti. Ad esempio sono usciti i dati sul commercio estero italiano, che parlano di aumento sia dell’import che dell’export e meriterebbero una disamina attenta. Oppure c’è Snapchat che prova a sfilare 3,2 miliardi agli investitori in cambio non si capisce di cosa, visto che i profitti di Snapchat somigliano a quelle delle chat che hanno reso celebre la compagnia: scompaiono dopo 24 ore.

sola

Però la notizia che difficilmente vi racconteranno – per la semplice ragione che è una buona notizia – è un’altra: la Bce ha presentato il suo bilancio 2016. Ed è un bilancio straordinario. Pieno di buone notizie e di sani profitti.

soldoni

Perché vi stupite? La Bce è una banca, mica una Onlus. E guadagna bene, altroché. L’anno scorso ha portato a casa 1,19 miliardi di euri, in crescita rispetto agli 1,08 del 2015. E il grosso l’ha fatto grazie agli interessi sui titoli in portafoglio, come una qualunque Goldman Sachs, che infatti è una banca pure lei. Con la differenza che la Bce non conosce sofferenza, al contrario: se la gode. Specie da quando spende a manica larga col QE. Nel 2016, infatti, in Net interest income è passato da 1,475 miliardi a 1,648, che comunque è un bel guadagnare, nel tempo in cui le banche piangono miseria. Quelle europee almeno.

Già perché negli Usa hanno risolto il problema alla radice. Non ci crederete, non ci credevo neanch’io, ma dal 2008 in America non nasce più una banca.

nuova-banche-usa

Perciò, tornando alla nostra Bce, e in attesa che anche da noi si compia il nostro destino bancario, mi è venuta in mente questa straordinaria idea per tenere i miei quattro soldi al sicuro: aprire un conto alla Bce, che non può fallire, non le mancano mai i soldi e quando abbaia i cani del mercato scappano via, al contrario di come succede alle altre banche.

Che dici Mario?

A domani.

 

Cosa ci insegna il tormento infinito della Grecia


Riavvolgendo il nastro della cronaca, d’improvviso il dibattito fra Ue e Fmi ci riporta all’estate del 2015, quando i prestiti in scadenza che la Grecia avrebbe dovuto in qualche modo onorare a pena di default, infiammarono di chiacchiere vacue e manifestazioni di piazza le nostre giornate di allora, mentre i narratori del mainstream raffiguravano la solita storiella della Grecia buona contro i creditori cattivi – ovviamente tedeschi – e il Fmi, che pure qualche zampino ci ha messo in tutta la faccenda, a far da Grande Mediatore in un partita dove non vince nessuno, e tantomeno i greci. Quell’estate finì con il fondo Esm che accordava un finanziamento da 86 miliardi alla Grecia (l’89% del pil) in cambio del quale il governo avrebbe dovuto fare alcune cose.

Quasi due anni dopo, rieccoci, in un anno funestato da elezioni di sostanza come quelle francesi e quelle tedesche, e di nuovo prestiti in scadenza, che proprio come due anni fa, matureranno d’estate come ciliegie tardive, ma assai meno dolci. Sarebbe bene perciò arrivare bene informati a questo appuntamento, che segnerà l’ennesimo tentativo di palingenesi dell’eurozona, probabilmente esaurendosi nella solita proroga accompagnata da ulteriore prestito e magari un sostanzioso haircut. Specie dopo che il Fmi, nel suo ultimo staff report l’ha messo pure per iscritto che il debito greco è insostenibile e che servono sforzi da parte dei partner europei, giudicati già assai generosi, per permettere ai greci di andare avanti. Siamo stati facili profeti quando scrivemmo, proprio agli albori di questo blog, che la stagione all’inferno dei greci sarebbe durata almeno una generazione. Il che implica che quest’inferno dovremo patirlo anche noi, italiani ed eurodotati, visto che con i greci condividiamo una moneta che è anche un destino. Nel frattempo l’unico limite è la fantasia. Si legge di tutto sui giornali, persino di possibili defezioni della Grecia dell’euro per adottare il dollaro, a significare del clima che circonda tutta la vicenda e delle ricadute politiche che porta con sé.

Arrivare bene informati, quindi, è un presupposto necessario, che magari aiuta pure ad imparare qualche lezione da questa tormentata vicenda. Ed è bene cominciare col sostanziare in cifre ciò che è successo in Grecia negli ultimi cinque anni. Attingo da documento del Fmi, che riepiloga in questa tabella i principali indicatori macroeconomici. Come si vede, il paese è tornato alla crescita, seppure ancora debole (siamo al livello del 2014), e la disoccupazione è scesa dal 26,5% del 2014 al 23,2 stimato per l’anno scorso che dovrebbe diventare il 21,3 quest’anno. Come aggiornamento giova ricordare che l’ultimo trimestre del 2016 si è concluso con un calo del prodotto, il che non è sicuramente un buon auspicio. E’ interessante notare che gli incassi fiscali, arrivati al 48% del Pil nel 2013 dal 44,1 del 2011 si stima abbiano raggiunto il picco l’anno scorso arrivando al 49,3%, pure se è giusto ricordare che questo dato va letto tendendo a mente che fra il 2011 e il 2013 il pil greco è diminuito parecchio e questo in qualche modo influenza il peso relativo delle entrate sul prodotto.

La stessa considerazione vale per le uscite, che dal 54,4% del pil del 2011, dovrebbero arrivare al 47,4% quest’anno, dopo essere aumentate lievemente dal 47,8 al 49,3 fra il 2015 (data di concessione dell’ultimo prestito) al 2016. La correzione fiscale comunque è stata notevole, se si considera che il deficit/pil era negativo per oltre il 10% nel 2011 e dal 2015 è sceso sotto il 3%. In compenso il debito pubblico sta intorno al 180%, assai lontano dagli obiettivi. Da qui la preoccupazione del Fmi. Sul versante della bilancia dei pagamenti, il saldo di conto corrente viaggia da un triennio intorno allo zero, dal deficit del 10% del Pil del 2011, quindi la correzione è stata profonda anche qui, ma il debito estero rimane elevato: l’anno scorso si stima sia arrivato al 245% del pil dal 188% del 2011. E questa è una lezione che è bene ricordare: i debiti è facile farli, ma è assai difficile liberarsene.

Forse molti l’hanno dimenticato, ma la Grecia vive ancora notevoli restrizioni monetarie. “I controlli di capitale vanno eliminati nel più breve tempo possibile – esorta il Fmi – prudentemente, preservando la stabilità finanziaria”. E questo ci suggerisce la seconda lezione. E’ molto facile essere costretti ad adottare i controlli sui capitali – ricordate l’Islanda? – ma toglierli è molto difficile, specie quando sei un paese che vive grazie al credito estero e hai una montagna di debiti.

La terza lezione ce la ricorda il ritornello delle riforme strutturali, che ormai non risparmia nessuno e tantomeno la Grecia, ancora alle prese con gravi inadeguatezze che il Fmi sottolinea con fermezza, a conferma del fatto che la carota dello sconto sul debito va sempre accompagnata dal bastone delle riforme necessarie per continuare ad avere credito. Questa lezione è la più dura da digerire, perché se è facile dire che bisogna fare le riforme, è assai difficile compierle sul serio, specie quando insistono su consuetudini antiche e difficili da modificare.

La quarta lezione è che un paese in crisi è un pozzo senza fondo. “Eccezionali finanziamenti ufficiali pari a circa 260 miliardi (147 per cento del PIL) hanno contribuito a sostenere l’adeguamento e mantenere la Grecia nella zona euro.
Tuttavia, la Grecia non è riuscita a tornare a una crescita sostenibile, avendo subito una contrazione di oltre il 25% del Pil dal 2008, e di oltre il 60% degli investimenti, con la disoccupazione al livello più alto nella zona euro”.

La quinta lezione è che per quanti sacrifici si possa imporre a un paese, arriva un momento in cui non ce la si fa più, perché non si ha voglia o è troppo difficile. “Le riforme hanno perso slancio – nota il Fmi – in parte riflettendo la fatica associata col costo sociale degli aggiustamenti”. Il Fmi si rende conto che a furia di tirare una coperta corta quella si strappa, ma non può esimersi dal notare “l’incapacità del sistema politico di mantenere il supporto popolare per lo sforzo di riforme necessario, a fronte di un tessuto sociale e politico sempre più sfilacciato e della percezione che i costi di aggiustamento siano stati inegualmente suddivisi a sfavore di alcuni gruppi (ad esempio salariati), mentre altri sono stati protetti”. E questo è il corollario della quinta lezione: un paese in crisi di debito diventa litigioso, ossia tutto il contrario di ciò che serve per superare una crisi.

La sesta lezione è che tutta questa fatica rischia di essere inutile. “L’economia rimane fondamentalmente non competitiva”, scrive il Fmi, e questo malgrado “l’impegno profuso nel programma di aggiustamento”. L’export di beni e servizi, considerato nel periodo 2008-15 rimane ancora negativo, mentre in Irlanda l’export cresceva del 100% e in Spagna e Portogallo intorno al 30-40%. La settima lezione è che fare tagli non basta, se si sbaglia a farli. La Grecia sta in questa situazione a fronte di un aggiustamento fiscale strutturale del 16% del Pil. Chiedersi cosa non abbia funzionato, perciò, dovrebbe essere una sana prassi di gestione della cosa pubblica. Il Fmi ci offre qualche suggerimento. Circa un quarto di questi tagli è stato indirizzato a ridurre i salari del settore pubblico e le pensioni, mentre il resto è stato dedicato a tagli di spesa discrezionali. Senonché “i salari sono diminuiti, ma il problema è migrato sulle pensioni a causa dei pensionamenti anticipati, che hanno condotto una aumento della spesa previdenziale fra il 2010 e il 2015”. Col risultato che il sistema pensionistico “rimane altamente squilibrato con un deficit di quattro volte quello dell’euro-area” e poi che il peso fiscale è inegualmente distribuito: “Più della metà dei lavoratori dipendenti sono esentati dal pagamento di imposte personali, a fronte dell’8% della media euro”.

E questo ci porta all’ottava lezione. Il bilancio dello stato è una cosa seria e bisogna utilizzarlo con giudizio. In Grecia “la struttura corrente della finanze pubbliche è fondamentalmente inefficiente, ingiusta e socialmente insostenibile”. Tanta spesa pubblica non è una panacea, al contrario: può essere l’origine del problema se questa spesa, a causa di una sua cattiva configurazione, incoraggia la divisione sociale e l’instabilità, in un paese che ne avrebbe un gran bisogno. Basta fare l’esempio delle banche: “Nonostante tre round di ricapitalizzazione – osserva il Fondo – e il massiccio supporto di liquidità da parte della Bce, la fiducia nel sistema bancario non è ancora tornata e i controlli di capitale sono ancora vigenti”. Le sofferenze (NPLs) sono quasi al 45% dei prestiti totali, quattro volte quelle del 2010, e il sistema finanziario è fragile. Le banche hanno perso il 27% dei loro depositi nella prima metà del 2015, quando si iniziò a discutere dei problemi del paese. Adesso i flussi sono stabili, grazie anche ai controlli sui capitali. Ma il settore privato è ancora profondamente danneggiato e questo si deduce dall’aumento del debito e dal crollo degli investimenti.

Nessuno può sapere come e quando la crisi greca terminerà e come questo tormento che dura anni impatterà sull’eurozona. Soprattutto, aldilà dei vari tecnicismi, nessuno sa veramente come uscirne. E questa è l’ultima lezione. La più triste.

 

Cronicario: Cara Ocse ti scrivo così mi distraggo un po’. F.to Padoan


Proverbio del 15 febbraio Un nemico intelligente è meglio di un amico stupido

Numero del giorno: 2.217,7 Debito pubblico italiano in miliardi a fine 2016

Cara Ocse ti scrivo, così mi distraggo un po’, e siccome oggi non sei molto lontana – anzi stai a Roma con la compagnia cantante, dolcemente ti scriverò.

manoceihescrive

Da quando sei partita da Parigi per venire a Roma c’è una grossa novità: l’anno vecchio è finito ormai, col pil cresciuto dell’1%, ma qualcosa ancora qui non va.

pil-italia

Si esce poco la sera, persino quando è festa, perché le persone tesoreggiano il denaro e non vogliono fare un bel niente, né spenderlo né investirlo. Anzi c’è chi ha messo dei sacchi di sabbia vicino alla finestra perché gli hanno detto che ci stanno invadendo gli immigrati, gli agenti del fisco e i creditori esteri preoccupati per il nostro debito pubblico.

debito-pubblico

Si sta senza parlare per intere settimane, nel senso che si discute del congresso del Pd, della legge elettorale e robe simili, e a quelli che hanno niente da dire, cioé i politici e i chiacchieroni globali rimane sempre il tempo di sparare minchiate su Twitter.

cazzari

Per fortuna alla televisione hanno detto che il 2017 porterà una trasformazione e tutti quanti stanno già aspettando che si torni a votare, visto che non sappiamo fare altro. Dicono che dopo le elezioni sarà tre volte Natale, usciremo dall’euro e ci rientreremo di nuovo, così facciamo contenti tutti e festeggiamo tutto l’anno. I poveri cristi disoccupati scenderanno dalla croce grazie al reddito di cittadinanza che pagheremo in miniassegni degli anni ’70 e anche i cervelli all’estero faranno ritorno.

spesa-r-es

Vedi caro Ocse cosa si deve inventare per continuare a sperare? Purtroppo l’anno che sta arrivando fra un anno passerà, e le previsioni tue e di altri dicono che sarà un po’ come questo, con un po’ di crescita,

piccola

le sofferenze bancarie

sofferenze-bancarie-ita

e quelle burocratiche,

insolvenza-ita

l’evasione fiscale,

evasione-ita

il lavoro che va così così

lavoro-ita

l’istruzione vagamente disastrosa.

istruzione

Io mi sto preparando ad emigrare, questa è la novità. Anzi, cara Ocse, visto che ho già lavorato da te, non è che avresti uno strapuntino? Parlo un ottimo inglese e francese. 

Rimango il tuo affezionato Pier Carlo Padoan.

 

 

I consigli del Maître: L’import tedesco e i bamboccioni UK


 

Anche questa settimana siamo andati in radio a parlare con gli amici di SpazioEconomia. Ecco cosa gli abbiamo raccontato. 

Le importazioni tedesche. L’istituto di statistica tedesco ha rilasciato gli ultimi dati del commercio della Germania, evidenziando il record storico dell’attivo commerciale del paese, arrivato a oltre 250 miliardi di dollari nel 2016. Tutti i giornali hanno osservato che mai la Germania aveva avuto un attivo così elevato. Ma questa suggestione ne nasconde un’altra che invece è bene conoscere per farsi un’idea più precisa del perché la buona salute del commercio tedesco riguardi tutti noi. Il fatto è semplice e si può osservare non guardando solo il saldo ma tutti i flussi commerciali della Germania.

tabella-commercio-tedesco

Accanto ai 1.207 miliardi di merci vendute all’estero dalla Germania, ci sono 954 miliardi di merci estere comprate dalla Germania. Ciò significa che molti paesi hanno goduto degli effetti positivi della domanda tedesca sulla loro economia. Per la cronaca è interessante ricordare che l’Italia, che pure ha un deficit bilaterale nei confronti della Germania, nel 2015 vi ha esportato merci per oltre 51 miliardi. Quindi i tanti che lamentano gli eccessi commerciali della Germania, e in cuor loro si augurano che finiscano, dovrebbero ricordare che ciò rischia di far pagare un conto assai salato anche a noi. Ci piaccia o no.

I love shopping, on line. Economia digitale non vuol dire solo reti, terminali e dati. Significa anche comprendere il mutamento di consuetudini secolari e l’evolversi della tecnologia che sta delineando la nuova globalizzazione digitale del XXI secolo. Una di queste pratiche è sicuramente quella degli acquisti on line, che potremmo considerare come l’evoluzione digitale dei vecchi acquisti analogici per corrispondenza. I più grandicelli ricorderanno il vecchio catalogo Postal market, o i vecchi club del libro, che peraltro ancora ci sono. Una recente ricerca di Eurostat ha calcolato che l’84% dei residenti nell’UE di età compresa fra i 16 e i 74 anni ha usato internet nel 2016 e due terzi, pari al 66% ha effettuato ordini on line di beni o servizi. Nel 2007 questi utenti non superavano il 50%.

shoppinonlineue

Noi italiani siamo un po’ fanalino di coda, con poco più del 40%, ma siamo cresciuti dal 2012, quando si era sotto il 30. Rimane il fatto che comprare on line non significa solo fare ordini per corrispondenza con un click. Significa pure che invece del vecchio Postal market ora andiamo, ad esempio, su Amazon, che, oltre a venderci prodotti di qualunque genere, produce film, possiede giornali e ha pure una sua moneta per le transazioni interne. Roba che Postal market neanche si immaginava. E questo è il vero punto saliente dell’economia digitale.

Energia col vento in poppa. L’Agenzia internazionale dell’energia, l’IEA, ha diffuso uno studio secondo il quale la crescita delle energie rinnovabili sarà molto più rapida di quanto stimato fino ad oggi, arrivando a ipotizzare che per i prossimi cinque anni verranno installate 60 turbine alimentate a vento al giorno in diversi paesi del mondo. Parliamo di circa 110 mila impianti, quindi. Globalmente la crescita di energia da fonti rinnovabili dovrebbe crescere del 13% da qui al 2021 per lo più in seguito alle politiche che l’Agenzia si aspetta vengano attivate negli Usa, in Cina, India e Messico. Nello stesso periodo ci si attende che i costi per i pannelli solari diminuiscano di un 15%. Anche qui perciò, come abbiamo visto a proposito della diffusione delle auto elettriche la settimana scorsa, a far la differenza nella produzione e nella diffusione di queste fonti rinnovabili sarà il costo-opportunità.

mulini-a-vento

Interessante ricordare che il grande sviluppo dell’energia solare ed eolica ha consentito che oggi le rinnovabili rappresentino più della metà della nuova capacità energetica nel mondo, raggiungendo nel 2015 il record dei 153 gigawatt, il 15% in più rispetto all’anno precedente. Sempre nel 2015 sono stati installati quasi mezzo milione di pannelli solari al giorno. In Cina, che pesa circa il 40% dell’aumento globale delle fonti rinnovabili globali, nel corso del 2015 sono state installate due turbine a vento ogni ora per tutto l’anno.

Bamboccioni britannici. Di solito sono gli italiani a passare per bamboccioni sempre legati al cordone ombelicale di mammà. Ma la realtà è sempre un filo più intricata di quanto non possa raccontare un titolo di giornale e dovremmo abituarci a guardare in profondità per capire bene le correnti del presente. Uno stimolo in tal senso ce lo offre un recente studio diffuso dall’Ons, istituto di statistica britannico, che mostra come la quota di giovani adulti, quindi da 20 ai 34 anni, che vive con i genitori in UK ormai sfiori il 25%. In sostanza, uno su quattro sta a casa con i suoi. Poco male, viene da dire, se non fosse che nel 1996 erano uno su cinque. In sostanza in un ventennio i 2,7 milioni di bamboccioni britannici sono diventati 3,3 milioni.

bamboccioni-britannici

Cosa è successo nel frattempo?  Notate che il livello del 1996 era all’incirca lo stesso del 2008. L’evoluzione avviene da quel momento in poi e conosce il suo picco dal 2010-11. Curiosamente in quegli anni è cominciata la crescita del mercato immobiliare e tale sviluppo si è associato a un altro: il numero dei giovani proprietari di casa (25-29 anni) è passato dal 55% del 1996 al 30% del 2015, mentre quello di 30-34 è diminuito dal 68% al 46%. Che fine hanno fatto questi giovani? Chi poteva permetterselo è andato in affitto, la quota di giovani in affitto infatti è notevolmente cresciuta dal 2008. Gli altri sono tornati a casa di mammà. Non credo avessero tutta questa nostalgia.