Categoria: cronicario

Cronicario. Chiudo anch’io, no tu no


Proverbio del 23 marzo Il povero è uno straniero in patria

Numero del giorno: 4.824 Operatori sanitari contagiati in Italia

Allora chiudo. Dovresti chiudere. Vorrebbe chiudere. Forse chiudiamo. Di sicuro voi chiudete, mentre questi non chiudono.

Dopo aver declinato in ogni modo (indicativo, congiuntivo e soprattutto condizionale, ma senza trascurate l’imperativo) il verbo stare a casa, il governo ha passato l’ultimo fine settimana esercitandosi col verbo chiudere, arrivando a decretare nottetempo via social, ma con rinvio, come da tradizione, chi e cosa sarebbe stato chiuso entro le prossime 48 ore.

Nel frattempo rimanevano aperte le autostrade, con scene da ferragosto ai traghetti per la Sicilia.

Per non farci mancare niente, stamattina sono arrivati anche gli annunci di sciopero da parte di alcuni sindacati che giudicavano non si fosse chiuso abbastanza, mentre gli imprenditori rilasciavano dichiarazioni da apocalisse.

Nella prossima puntata: Chiuderemo tutti?

A domani.

Cronicario. Crescita Zero: vince il banco


Proverbio del 2 marzo Chi semina orzo non può cogliere grano

Numero del giorno: 0,3 Crescita % pil Italia nel 2019

Tempi duri per il Cronicario, che torna a casa in un momento che nessuno ha più voglia di scherzare perché è scattato il panico per merito di coloro che dicevano di volerlo evitare.

Oggi per dire è arrivato l’Istat e ha sparso ulteriore terrore confermando che la crescita del 2019 è stata dello 0,3%. E ancora non c’era lo spauracchiovirus.

Adesso che il sovranovirus si è evoluto in corona (nome omen), è solo questione di tempo perché accada quello che Ocse ha già preconizzato per noi per questo meraviglioso 2020, anno non solo doppio, ma anche bisesto.

E questo dice – testuale – “nella migliore dell ipotesi”. E lo sapete cosa succede quando esce lo zero nella roulette dell’economia di un paese?

Guardate alla voce prelievo fiscale e fatevi due conti.

Esatto: vince il banco.

A domani.

 

Cronicario. Uno starnuto da 250 miliardi (non) ci seppellirà


Proverbio del 12 febbraio Per smuovere una montagna si comincia dalle piccole pietre

Numero del giorno: 24.830 Ftse Mib di Milano in mattinata, tornato ai livelli del 2008

Visto che là fuori si ostinano a spauracchiarci col coronavirus – riuscendoci peraltro benissimo – ho preso spunto dal peggiore spauracchio possibile – perché tocca le corde sensibili del portafogli – e ho pensato di buttarvelo fra i piedi cosi vi togliete il pensiero e passate al dolce.

La fonte è una nota agenzia di rating, che deve aver pensato di far qualcosa dopo che la nota controllora della sanità internazionale (la stessa che all’inizio aveva detto che il virus cinese non era poi così pericoloso, salvo rettificare in corsa al crescere dell’isteria collettiva) se n’è uscita affermando che il virus incoronato era peggio del terrorismo, ossia del male assoluto contemporaneo, visto che ogni epoca ha il suo.

Ma siccome non può esserci nemico pubblico senza danno economico ecco che la nota agenzia ha subito stimato che il maledetto Covid-19, nome in codice del male assoluto, costerà 0,3 punti di pil mondiale quest’anno.

Per darvi un’idea, Usando come punto di riferimento il Pil mondiale del 2017, pari a poco più di 80 trilioni (80.000 miliardi) lo 0,3 vale circa 250 miliardi.

Scommetto che adesso siete terrorizzati.

A domani.

 

Cronicario: E poi per fortuna la produttività diminuisce


Proverbio del 7 febbraio Di tutti gli stratagemmi, sapere quando finire è il migliore

Numero del giorno: 15 Calo % raffinazione petrolifera in Cina dopo Coronavirus

Giunto sfinito al termine di una settimana pregna, fra spauracchi virali e miraggi fiscali, ci pensa l’Istat a rialzarmi l’umore anticipandomi che lo stress di questi giorni, che tutti sembrano indaffarati ma poi non si sa bene a far cosa, finirà presto. Anzi prestissimo.

 

Il pil è quello che è, ma non ci dobbiamo preoccupare. Perché a fronte del pil che scarseggia, abbiamo un meraviglioso mercato del lavoro.

 

Ma il meglio viene subito dopo.

Significa che siccome il pil va male e l’occupazione meno, produciamo meno di prima. In pratica lavoriamo per niente, che è il passo che precede il non lavorare affatto.

E considerando che è venerdì, non chiedo di meglio.

Buon week end.

Cronicario: Un precario (pensionato) è per sempre


Proverbio del 30 gennaio In una lite nessuno ha ragione

Numero del giorno: 9,8 Tasso disoccupazione italiano a dicembre

Vorrei che qualche genio del pensiero social-contemporaneo mi spiegasse come sia possibile che l’Istat annunci l’ennesimo record di lavoratori precari e l’Inps, lo stesso giorno, l’ennesimo boom di pensioni anticipate.

Giuro. L’Istat ha censito 3.123.000 dipendenti a termine, mai così tanti. Al tempo stesso abbiamo pensionato 535.573 persone nel 2019. Che sono più o meno lo stesso numero del 2018 (537.160) solo che nel 2019 un terzo di questi (196.857) sono pensionati anticipati. I mitici quotisti 100. Dal che si osserva plasticamente come la dipartita di costoro dal mondo del lavoro non sia servita per niente a diminuire il precariato che anzi aumenta.

Ma il meglio emerge quando si osservi che quattro su cinque dei nuovi pensionati già lavoratori dipendenti sono pensioni anticipate. Nel senso che quelli che vanno in pensione all’età fissata per legge di 67 anni sono solo il 20% del totale. Per quasi tutti vale l’eccezione, mai la regola.

Dal che capisco che una nuova specie sta crescendo, nell’embrione della riforma pensionistica alimentata dal piagnisteo sindacale: il precario, ma pensionato. Non servirà diventare lavoratori dipendenti per avere la pensione. Basta esser precari. E io, modestamente, lo nacqui.

A domani.

Cronicario: Il Bambi-capitalism va in vacanza a Davos


Proverbio del 15 gennaio Chi mangia il tuo pane avrà fame solo vedendoti

Numero del giorno: 42.300.000.000 Entrate fiscali italiane a novembre (+8,5%)

Siccome anche per il capitalismo vale la distinzione ormai celebre per il colesterolo..

non mi stupisce per niente sapere che lassù, fra le vette innevate dove allignano i davosiani, fenotipo svizzero del genotipo sorosiano (cit.), il cuore ormai batta per il “capitalismo degli stakeholder”, versione colta del meno noto ma più espressivo Bambi-capitalism.

Questo capitalismo delle buone intenzioni, che stanno al capitalismo come l’iniziativa privata sta al socialismo, ha ovviamente a cuore la sorte di Bambi e di conseguenza si spertica per fare in modo che costui, e con lui (o era una lei? boh) tutti gli altri esserini belli e carini che abitano Madre Terra, abbia sempre un prato verde dove correre senza sudare troppo a causa del riscaldamento globale. E perciò cosa fanno i fenotipi svizzeri? Lanciano ancora prima del vertice il rapporto sull’allarme climatico, suggellando quindi il sorpasso dell’emergenza ambientale rispetto a quella economica, di cui pure i davosiani di solito discettano, confermando che l’ecologismo ormai racchiude l’alfa e l’omega del capitalismo che verrà.

Quindi: allarme per il crescente rischio climatico, e mentre che ci siamo anche per i dazi. Il global risks report di Davos ci dice tutto quello che dobbiamo sapere per dormire preoccupati e svegliarci tranquilli. Almeno fino al prossimo vertice.

A domani.

Cronicario: L’importanza di essere Popolari


Proverbio del 16 dicembre La collera comincia con la pazzia e finisce nel pentimento

Numero del giorno: 1.505 Incidenti stradali mortali in Italia nel primo semestre 2019

Ora non state a contare quanto ci costerà l’ennesimo salvataggio bancario – 900 milioni o su di lì – perché il punto saliente è un altro: viviamo in un paese dove è facile essere salvati dal governo, che come una buona mamma e un buon papà mette mano al portafoglio per salvare i figli discoli e vagamente disfunzionali. Purché siano Popolari, ovviamente.

Oddio, serve anche essere un po’ banchieri, a dirla tutta. Ma per la semplice ragione che sono molto popolari: infatti tutti gli prestano soldi. Prendete la nostra Popolarissima di Bari. Bankitalia ci racconta che alla banca fanno capo poco meno di 600.000 clienti, tra cui oltre 100.000 aziende; a queste ultime è riferibile circa il 60% degli impieghi (intorno a 6 mld). I depositi ammontano a 8 mld, di cui 4,5 mld inferiori a 100.000 euro e come tali protetti dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi (FITD). Quindi i baresi meno popolari, nel senso che non li conosce nessuno a parte la Popolare, hanno depositi superiori a 100 mila euro per 3,5 miliardi.

Ma sono gli stessi geni che hanno comprato azioni per 550 milioni fra il 2014-15 “per lo più sottoscritti da clientela al dettaglio”, dice Bankitalia e prestiti subordinati per 290 milioni, “di cui 220 milioni a clientela al dettaglio”. Cioé obbligazioni che fanno una brutta fine in caso di liquidazione. Perché il miracolo delle banche territoriali è che le fregature te le danno direttamente sotto casa, mica c’è bisogno di andar lontano.

In questo essere così popolari è incluso anche il fatto che il governo ti salva, perché prima degli italiani vengono i risparmiatori, specie se sono bravi a farsi spennare. E poi come si fa a spiegare a quei 4,5 miliardi di depositanti sotto i 100 mila che la banca è finita a gambe per aria e chissà quando rivedranno i loro depositucci?

Anche qui, basta leggere Bankitalia: “Il FITD dovrebbe effettuare rimborsi a favore dei depositanti protetti per un importo complessivo di euro 4,5 mld circa, a fronte di una dotazione finanziaria che a dicembre 2019 sarà pari a 1,7 mld. Ciò implicherebbe l’esigenza di attivare integralmente il finanziamento per 2,75 mld. sottoscritto nell’agosto 2019 dal FITD con un pool di banche e finalizzato a fornire prontamente al Fondo risorse per i rimborsi. Per la restituzione del finanziamento potrebbe essere necessario il ricorso a contribuzioni straordinarie a carico del sistema bancario, che determinerebbero perdite significative”.

Insomma, se la banca finisce a gambe all’aria ci perdono gli azionisti, gli obbligazionisti subordinati, i depositanti sopra i centomila, mentre quelli sotto i 100 mila, per essere soddisfatti, stresserebbero le altre banche, visto che ci perderebbero loro. Metteteci dentro i 2.700 posti di lavoro, il rischio contagio, l’economia debole e avrete confezionato la ricetta perfetta. Il nome della pietanza lo sapete già.

Ma siccome lo stato non può fallire, come hanno subito sottolineato le associazioni dei consumatori felici, ecco che adesso possiamo essere felici di aver assorbito – come contribuenti – una banca che fa questi spendidi numeri:

E se dopo tutto questo non avete ancora capito quale sia il segreto del successo in Italia, non avete speranze. Vi rimane solo la disperazione.

A domani.

Cronicario: Mare, mare, mare voglio tornare a nuotare


Proverbio del 12 dicembre Chi è malato apprezza la salute

Numero del giorno: 20.000.000.000 Acquisti mensili di titoli confermati dalla Bce

Siccome non ve ne parlerà nessuno, neanche per sbaglio, il vostro Cronicario ha deciso di caricarsi l’enorme responsabilità di diffondere una notizia gelosamente custodita nell’archivio delle segrete cose della nostra Repubblica, per tutelare il quale sono state spese incredibili risorse a spese dell’ignara popolazione dei pagatori di tasse.

Il segreto meglio custodito del nostro paese, altro che misteri d’Italia: noi siamo una penisola che esprime qualcosa come 8.000 chilometri di coste.

Incredibile eh? Non ci si crede proprio. Come non si crede al fatto che ciò malgrado la nostra economia del mare, che una illuminante (e ignorata) ricognizione del Censis valga un piccolo 2% del pil, malgrado si registrino valori in crescita della produzione (+5,3%), degli investimenti (+9,4), delle esportazioni (+38,2%), impegnando circa 185 mila persone che diventano 529 mila se si considera anche l’occupazione indiretta. Insomma: il settore tira – uno dei pochi – e noi siamo una penisola.

Ora ai soliti cervelloni che sanno sempre tutto, specie di quello di cui non sanno niente, vorrei chiedere: ma non è che magari abbiamo un certi vantaggio competitivo che tendiamo ad ignorare?

Nel dubbio ho capito cosa fare: torno a nuotare.

A domani.

Cronicario: What a Mes(s)


Proverbio del 2 dicembre Se cammini sulla neve non puoi nascondere le orme

Numero del giorno: 3,7 Aumento % vendite libri in Italia nel 2019

La cosa assolutamente impagabile dei social-isti nostrani – nel senso gli viene naturale e lo fanno gratis – è che la loro capacità di prendere posizione è inversamente proporzionale alla conoscenza dei fatti. La vicenda del MES, ad esempio, avete presente no?

Si avete presente. L’opposizione arma una caciara pazzesca accusando il governo di aver svenduto i risparmi degli italiani, l’ultima ancora della serenità nazionale (pensate come stiamo) per raccattare qualche consenso. Il governo ha risposto poco fa per bocca del Primo Minestra, che oggi si è esibito in una delle sue lezioncine leziose accusando sostanzialmente l’opposizione di dire minchiate.

Conclusione: i tifosi dell’una e dell’altro se le suonano di santa ragione sui social, ultima frontiera. I lettori occasionali di questa roba sono i più divertenti. Alcuni pensano che il MES sia un’abbreviazione del Messico e propongono di alzare un muro. Altri hanno intuito che è una creatura dell’Ue, che comunque è una vecchia stronza e quindi va bene litigarci per principio. Altri ancora – che poi sono quelli più rumorosi – se ne infischiano: vogliono far cadere il governo sognando di governare loro e fare le stesse cose.

Intanto fuori dai social scatenati sul futuro del MES succedono cose. Tipo il gasdotto russo cinese che correrà per tremila miglia dalla Siberia alla Cina, o quello russo turco che correrà per mille chilometri a due km di profondità sotto il Mar Nero. Ma a noi che ci frega? Una nube di gas russo ci soffocherà e noi vivremo felici e contenti.

#MESorotto.

A domani

Cronicario: L’auto aziendale non si tocca, meglio quella privata


Proverbio del 26 novembre E’ sciocco innestare un bambù su un ciliegio

Numero del giorno: 5.800.000.000 Spesa annua per l’informatica nella PA italiana

Avere un governo che riconosce di aver fatto una minchiata – quella sulle auto aziendali nella fattispecie – è eroico abbastanza da meritare il plauso del vostro cacciatore – nonché propalatore – di minchiate qui presente. Sicché applaudiamo al nostro Primo Minestra che oggi, invitato all’Aci, ha ammesso che “sulle auto aziendali dobbiamo fare ammenda: con umiltà ci siamo messi al lavoro per rimodulare la misura fino a svuotarne l’effetto negativo che potrebbe avere sul sistema produttivo”.

Nell’attesa di scoprire che tipo di pratica paragnosta metterà in campo il governo per “svuotare l’effetto negativo”, possiamo immaginarne l’esito finale: gli automobilisti aziendali torneranno a sorridere.

Mi rimane il dubbio che piangeranno gli automobilisti casalinghi, quelli che l’auto se la comprano. E d’improvviso mi risuona la voce dell’uomo dal monte, stavolta in diretta dall’Aci, che nel suo solito studio comparato che fotografa i buoni e i cattivi nota assai contrariato come quasi 14 milioni di auto italiane siano ante euro 4 (il 35% del parco circolante) e che gli autobus Diesel Euro 3 rappresentano il 60% del parco autobus nazionale. “Una pianificazione eco-razionale della mobilità deve, quindi, prevedere investimenti per l’eliminazione o la sostituzione con usato recente”, dice il saggio.

Al Primo Minestra, uomo notoriamente sagace, non sfugge l’invito. E poiché è anche uomo di mondo (convenienza) ha già pronta la risposta. “Raccolgo l’invito a valutare la proposta del rinnovo del parco auto”, dice. Un obiettivo “compatibile con una scelta eco-razionale per prendere consapevolezza del fatto che in Italia abbiamo il parco
auto più vecchio d’Europa”. Ma attenzione: “Non sarà rinnovato necessariamente attraverso meccanismi incentivanti”.

E allora come si fa a far cambiar l’auto senza dare incentivi all’automobilista casalingo dovendo pur depurare la negatività dalla norma sulle auto aziendali?

Fuochino…

A domani.