Categoria: Annali

Cronicario: E il venerdì arrivano pure le cavallette


Proverbio del 24 gennaio Un grande talento richiede molto tempo per maturare

Numero del giorno: 3,8 Crescita % commercio extra Ue nel 2019

Siccome è venerdì, voglio chiudere in bellezza una settimana funestata da vari vertici internazionali, emergenze climatiche (ormai equivalenti al pane e coperto dei nostri menù informativi) e persino a rischio pandemie.  Perciò scelgo una notizia che ci fa capire che finalmente le nostre sofferenze stanno per terminare. Siamo a una svolta:

Mi spiego. L’Onu ha decretato l’emergenza locuste in Africa orientale. La Fao ha annunciato che il numero di queste graziose bestioline, che sicuramente fuggono dal riscaldamento climatico o dalla Cina impestata, può crescere più di 500 volte del solito. Erano 70 anni che non succedeva, almeno in Kenya. D’altronde il riscaldamento e la Cina c’erano già da allora.

L’arrivo della piaga biblica, è un’ottima notizia, ne converrete, suggellando l’apoteosi delle nostre disgrazie. E’ chiaro che si prepara la fine del mondo. Così finalmente la smetteremo di preoccuparci. E vi dico anche un’altra cosa: arriverà puntuale, la catastrofe. Come ogni lunedì.

Buon week end.

Cartolina: Cinquant’anni di solitudine


Sono bastati cinquant’anni, peraltro di crescente benessere, per trasformare quelle che erano famiglie numerose in fabbriche di unigeniti. Nelle nostre case all’affollamento rumoroso della fratellanza si è sostituita la solitudine più o meno silenziosa del figlio unico su cui convergono attenzioni, aspettative e patrimoni, col risultato di gravarlo di un peso che una volta veniva suddiviso equamente e perciò risultava leggero. Ma questo sarebbe il meno. La pratica del figlio unico, già politica sperimentata dai cinesi con grave danno per la società e l’economia, prepara persone che un giorno, più o meno adulti, si troveranno senza più in dote legami famigliari. Ma probabilmente non se ne accorgeranno nemmeno.

Cronicario: Si scalda il Fis(i)co di sostegno


Proverbio del 23 gennaio I corvi sono dappertutto neri

Numeri del giorno: 616 Persone che risultano contagiate dal virus cinese

Provo a raccapezzarmi fra notizie che dicono tutto e il contrario di tutto, ma con risultati scarsi.

Per dire: l’Inps prima dice che nel 2019 ha autorizzato 259,6 milioni di ore di cassa integrazione, il 20,2% in più rispetto al 2018. E poi dice che nei primi 11 mesi del 2019 c’è stato un aumento del 111% dei contratti a tempo indeterminato.

Per un attimo  – ma solo un attimo eh – penso persino di approfondire. Ma poi lo spirito del tempo ha il sopravvento.

Anche perché vengo raggiunto da una dichiarazione fulminante del nostro ministro dell’Economia, che rima sempre con Mammamia pure se nel frattempo il titolare ha cambiato nome. Costui, il nuovo titolare non il vecchio, dalle cime di Davos, non più innevate a causa del riscaldamento globale e delle parole infuocate di GretaS, se n’è uscito con la spiegazione definitiva sulla crisi.

Eccole: “L’Italia, e l’Europa, hanno bisogno di una posizione fiscale che sostenga”. Perché è tutta una questione di sostegni, signora mia. Ma attenzione, “non si tratta di spendere per spendere, piuttosto di colmare una carenza di investimenti”.

Sissignora. “Dobbiamo chiederci – dice il ministro economico – perché in Europa ci siano tassi più bassi che negli Usa. E la risposta è che gli Usa hanno avuto uno stimolo di bilancio, che ha rilanciato la crescita e consentito tassi più alti”.

E’ chiaro che con un ministro così non basta il Fisco di sostegno. Ci vuole anche il fisico.

A domani.

A fine gennaio arriva la Brexit che non cambia (quasi) nulla


Dopo tanto rumore – per lo più per nulla – il 31 gennaio prossimo, a valle della ratifica parlamentare in corso, arriverà la tanto attesa Brexit nella quale, in applicazione dell’accordo raggiunto il 17 ottobre scorso e la successiva proroga accordata dagli europei il 29 dello stesso mese, l’UK uscirà dall’UE.

Alla separazione formale, cui corrisponderà il venir meno della partecipazione britannica agli organismi istituzionali dell’Unione europea, corrisponderà però una stabilità sostanziale delle discipline che regolano le due entità, visto che l’accordo statuisce la vigenza di un periodo di transizione che terminerà alla fine di quest’anno, durante il quale le normative dell’Ue verranno applicate dal Regno Unito e nel Regno Unito. Il che servirà a mettere in sicurezza i servizi bancari e finanziari, per i quali più di altri si temevano le conseguenze di un’uscita disordinata.

In sostanza, le istituzioni finanziarie britanniche conserveranno il cosiddetto passaporto unico, che consente loro di operare nei mercati europei e permette il mutuo riconoscimento dei sistemi di vigilanza. Entro il 30 giugno prossimo le due parti potranno decidere di prorogare ulteriormente questa intesa per uno o due anni.

Bankitalia, che nel suo ultimo Bollettino economico dedica un approfondimento al tema, ricorda poi che rimangono confermati anche i diritti di libera circolazione dei britannici già residenti nell’Ue, o che vi si trasferiranno entro fine anno, e viceversa. Altresì rimangono riconosciuti le abilitazioni professionali e i servizi sociali.

La questione più complessa, che non a caso ha impegnato fino all’ultimo i negoziatori e determinato la crisi politica sfociata nelle elezioni vinte dall’attuale premier, rimane quella delle due Irlande che convivono nella stessa isola: una, quella del Nord, che è territorio britannico e l’altra che sta addirittura nell’eurozona.

Poiché nessuno voleva una frontiera fisica fra i due stati è stato approvato un meccanismo che prevede un confine aperto, anche dopo la fine del periodo di transizione, determinando l’esistenza di un’area di libero spostamento delle persone fra l’Irlanda “europea” e il Regno Unito. L’accordo statuisce che l’Irlanda del Nord appartenga formalmente, anche dal punto di vista doganale, al Regno Unito, “ma di fatto – spiega Bankitalia – istituisce un doppio regime doganale e regolamentare”.

I beni che provengono da paesi terzi o dal Regno  Unito, che hanno la possibilità di entrare nell’UE, perché soggetti a trasformazione nel territorio irlandese del Nord, saranno soggetti ai dazi e alle regolamentazioni UE. Per i beni destinati unicamente al consumo locale in Irlanda del Nord è prevista invece l’esenzione da ogni dazio se
provenienti dal resto del Regno Unito e l’imposizione dei dazi britannici se provenienti da paesi terzi. Al tempo stesso i beni che provengono dall’UE “saranno esportabili liberamente – senza dazi e controlli regolamentari – in Irlanda del Nord, e viceversa”. Ogni quattro anni il parlamento irlandese sarà chiamato a votare sull’applicabilità di questo regime speciale, che di fatto rendere l’Irlanda del Nord un partner “privilegiato” dell’UE.

La Brexit, finora, è tutta qua.

Cronicario: Guarda o Maio quant’è bello


Proverbio del 22 gennaio Quando c’è una meta anche il deserto diventa strada

Numero del giorno: 532 Reddito di cittadinanza in euro medio a gennaio 2020

Stavo già parecchio in ansia per la misteriosa malattia cinese, che dai tempi della peste nera medievale finisce sempre col l’arrivare qua, quando mi sono capitate sotto gli occhi le prima pagine dei giornali, come sempre attente alle cose che davvero interessano ai cittadini.

E così ho scoperto la vera notizia del giorno, che però doveva ancora succedere anche se già si sprecavano i coccodrilli. Vale a dire il fatto che Lui, il già vicepremier del governo del cambiamento poi cambiato in ministro dell’esteriorità, avrebbe deciso di fare il famoso passo indietro.

Pare che l’evento abbia generato una notevole crisi nel noto Movimento del firmamento – nel senso di firme digitali – con alcuni già a rimpiangere l’ei fu siccome mobile: giovane, bello e soprattutto intelligente.

Proprio lui che poco dopo annunciava urbi et orbi, promettendo “cose importanti” da dire alle 17 in punto di oggi, che lasciava l’incarico di capo.

Capo retto, per giunta. Tutto il resto è noia (cit.).

A domani.

PS Siccome la sfiga ci vede benissimo, a differenza della fortuna cieca, questo è l’anno della cultura e del turismo fra Italia e Cina, che il Nostro Capo retto in retromarcia avrà di sicuro sponsorizzato. Quindi sono attesi molti più cinesi del solito. Speriamo ci ripensino.

Nel cuore dell’Eurasia: La variabile energetica dell’Asia centrale


Oggi come ieri l’Asia centrale gioca un ruolo fondamentale, per quanto sconosciuto ai più, nel vasto processo di globalizzazione che sta emergendo lentamente ma con decisione all’interno della piattaforma continentale dell’Eurasia, e con buona ragione. Se, come abbiamo visto, le rotte energetiche stanno divenendo la maglia della rete di relazione che avvinghia sempre più la geografia degli stati, i paesi del centro Asia sono assai ben dotati di ciò che serve per partecipare al nuovo Grande Gioco. Non solo perché sono “centrali” per la geografia – dallo Xinjian cinese alla Russia, l’Asia centrale è un passaggio obbligato – ma perché sono piene di petrolio e gas. Ossia la materia prima che più favorisce rapporti di buon vicinato.

Giocoforza che questi paesi siano finiti – proprio come ai tempi di Kipling – nel gioco delle grandi potenze di oggi. Che sono la Russia e la Cina, ovviamente, con la prima a rinverdire certe nostalgie sovietiche, per non dire zariste, e la seconda antichi espansionismi d’epoca imperiale. Ma ci sono, per ragioni e con capacità diverse, anche l’Iran e la Turchia, ma soprattutto gli Stati Uniti, che pur non essendo prossimi di geografia, godono del vantaggio storico della superpotenza, avendo peraltro annunciato da tempo di avere in mente qualcosa per questa porzione di mondo.

Diventa perciò assai utile provare a fare il punto, servendosi allo scopo di un bel paper pubblicato nel marzo scorso dalla Fondazione Enrico Mattei che consente di farci un’idea quantomeno aggiornata del coacervo di interessi che ruota attorno a queste terre sterminate e complesse, anche se limitatamente a Kazakhstan, Turkmenistan e Uzbekistan, ossia i principali beneficiari delle risorge energetiche della zona.

Risorse che per anni sono state sfruttate dalla Russia – importate a Mosca a costi politici e riesportate in Occidente a prezzi di mercato – e che adesso sono al centro di una tenzone che non risparmia neanche l’Ue, impegnata nell’ambizioso obiettivo di sfidare l’influenza russa nella zona accedendo direttamente alle risorse energetiche centro-asiatiche. Che significa, di conseguenza, avere meno dipendenza da quelle russe.

Non è certo un caso che il Kazakhstan, che dei tre paesi è quello che meglio ha saputo interpretare la transizione verso la modernità, abbia sviluppato progetti energetici con consorzi internazionali: Tengiz, Karachaganak e Kashagan. Sia l’Ue che gli Usa, fin dal 1990 – quindi all’indomani del crollo dell’URSS – hanno investito nel petrolio Kazakho, e tuttavia la Russia mantiene ancora un controllo sostanziale sull’export del paese grazie alla proprietà delle infrastrutture – la CPC pipeline – che collega la Russia al paese.

Diversamente, la Cina ha iniziato a interagire col paese utilizzando il suo potere economico, fornendo quindi prestiti, che le hanno fornito lo “spunto” necessario a superare l’India, quando si è trattato, nel 2005, di comprare il 50% della PetroKazakhstan e, nel 2013, l’8,33% della compagnia Kashagan. Non è certo un caso che le fornitura di gas kazakho ai cinesi siano cresciute notevolmente nel corso del tempo.

Ancora una volta si osserva lo schema che abbiamo ipotizzato altrove: la Cina opera come motore, la Russia come connettore e la Turchia, ancora in sordina, nel ruolo di stabilizzatore.

Ne possiamo trovare traccia anche nelle vicende occorse al Turkmenistan. Dopo una lunga fase di svendita delle proprie risorse ai russi, la crescita dei prezzi iniziata dopo il 2000 provocò dei dissapori fra i due paesi che condussero, nel 2006, all’accordo del Turkmenistan con la Cina per la costruzione del Central Asia-China gas pipeline, entrato in servizio nel 2009.

La Russia si è ritirata dal fronte turkmeno e la Cina è divenuta rapidamente l’unico compratore di gas del paese. I tentativi turkmeni di diversificare gli acquirenti, vendendo gas all’Iran, sono cessati all’inizio del 2017 – malgrado la costruzione di due gasdotti nel 1997 e il 2010 – a causa di un debito di 1,8 miliardi di dollari non pagato da Teheran. I paesi occidentali hanno provato a convogliare il gas turkmeno nella sottomarina Trans-caspian pipeline, ma senza successo, prima a causa delle interdizioni di Russia e Iran, col pretesto dello status del Caspio, e poi per i problemi economici e industriali connessi all’opera.

Non è certo un caso che proprio di recente l’Ue sia tornata a sottolineare l’importanza strategica di questa infrastruttura. Nel frattempo però i turkmeni si sono consolati con la TAPI pipeline, una ambiziosa infrastruttura che collega il paese con l’India, passando da Afghanistan e Pakistan.

Dei tre paesi considerati, l’Uzbekistan è quello che esporta meno, per la semplice ragione che consuma molta della sua produzione all’interno. Il paese è ancora bene inserito nell’orbita russa, con la Gazprom e la Lukoil saldamente insediate nel territorio per sviluppo e esplorazioni. Ciò può servire a spiegare come mai il paese appaia molto intenzionato a partecipare all’Unione euroasiatica a guida russa.

La Cina dal canto suo, verso la quale la Lukoil russa esporta il gas uzbeko, ha guadagnato influenza sul paese, che ha rapporti alquanto freddi con l’Occidente a causa delle politiche seguite dalla dirigenza uzbeka, giudicata poco attenta verso democrazia e diritti umani. Il cambio di regime, seguito alla morte del vecchio presidente nel 2016, potrebbe cambiare questo stato di cose, ma al momento il paese sembra ancora molto lontano da noi.

Ed in effetti lo è.

(1/segue)

 

 

Cronicario: Siamo grati a GretaS


Proverbio del 21 gennaio Per quanto sia alta la montagna si trova un sentiero

Numero del giorno: 291 Persona contagiate da virus misterioso in Cina

Nel giorno in cui il nostro capo degli industriali (esagero, lo so) dice, osservando il dato della nostra crescita prevista, che siamo troppo timidi, dobbiamo esser grati alla gentil Greta che viene dal freddo che oggi è andata a Davos a dire ai vecchioni che comandano il pianeta che non fanno un bel niente per evitare il riscaldamento globale, che fa rima con mortale – ipse dixit – e che lei non si stancherà di ripeterlo. Altro che timidezza.

Siccome Greta non ha nessun desiderio di piacere e tantomeno paura di sbagliare, ecco spiegato perché abbia addirittura aperto i lavori del vertice di Davos, che dall’anno prossimo di chiamerà vertice di GretaS, affermando che è vero, è molto ascoltata, ma poi nessuno fa niente.

Sicché dobbiamo essere doppiamente grati a GretaS perché ha fatto sapere che lei continuerà, per la salute di tutti noi, a darsi da fare, visto che “i media ignorano il clima”.

I Bambi capitalisti di GretaS, ovviamente, ringraziano più di tutti.

A domani.

 

La diversificazione geopolitica fa crescere il commercio cinese


La firma dell’accordo iniziale fra Usa e Cina, che sostanzialmente impegna gli Usa a ridurre i dazi e i cinesi a comprare più merci americane – e in particolare più risorse energetiche e beni primari – oltre che ad adottare pratiche più amichevoli nei confronti delle imprese americane, raffredda la tensione commerciale fra i due paesi che ha avuto conseguenze notevoli sui flussi commerciali globali, con risultati per certi versi sorprendenti.

I dati diffusi dal governo cinese sul commercio estero nel 2019, infatti, mostrano che malgrado la dura tenzone commerciale con gli Usa, in sostanza il mercato principale dell’export cinese, che ha condotto a un calo robusto delle esportazioni (-12,5% nel 2018 rispetto al 2018, a 295,8 miliardi), complessivamente l’export totale cinese è cresciuto dello 0,5%. I dati si possono consultare integralmente dalla tabella sotto.

Il totale di export e import del 2019 è risultato di circa 4,575 trilioni di dollari, con export pari a 2,498 trilioni e import per 2,076. Il saldo 2019, quindi si colloca a circa 422 miliardi, in decisa crescita rispetto al saldo 2018, quando le esportazioni totali erano state pari a circa 2,487 trilioni e l’import 2,135, per un saldo di circa 350 miliardi.

A questi risultati ha sicuramente concorso il calo delle importazioni, diminuite globalmente del 2,8% nel 2018 a fronte dell’aumento del 15,8% nel 2018. Altrettanto significativo è il fatto che le importazioni dagli Usa siano crollate di oltre il 20%. Parliamo di oltre 30 miliardi di produzione Usa, molta parte della quale è stata pagata dal settore energetico, come mostra questo grafico pubblicato da Bloomberg.

Le tensioni commerciali le pagano innanzitutto i produttori ovviamente, e quelli Usa non fanno certo eccezione. Ma certo è notevole la circostanza che ciò malgrado il saldo commerciale cinese sia cresciuto così ampiamente. E una delle ragioni, a parte il calo delle importazioni cinesi, risiede nel fatto che al calo del deficit bilaterale degli Usa nei confronti della Cina ha corrisposto un aumento dei deficit bilaterale di molti degli altri partner commerciali di Pechino. Il conto dei dazi, insomma, li pagano anche quelli che non c’entrano con la guerra commerciale.

L’export cinese nel 2019, infatti, è cresciuto di una ventina di miliardi, rispetto al 2018, nei confronti dell’Europa e del doppio nei paesi Asean, ed è arrivato a superare i 151 miliardi nell’America Latina, con il Brasile a guidare la classifica con oltre 115 miliardi di importazioni cinesi. I paesi interessati dalla Bri, quindi, verso i quali la Cina investe decine di miliardi al mese, ricambiano affettuosamente le attenzioni di Pechino. Il governo cinese, infatti, si è affrettato a far sapere che il commercio con i partner della Belt and Road initiative ha raggiunto un volume di transazioni di 1,34 trilioni di dollari, in crescita del 10,8%. La Cina è diventato il principale partner commerciale di 25 di questi paesi.

Ciò per dire che la firma del primo accordo con gli Usa, che dovrebbe (e mai condizionale fu più d’obbligo) svelenire una clima economico poco adatto alla crescita globale non può celare il fatto che la guerra commerciale ha avuto già un effetto evidente: è servita a diminuire il deficit bilaterale degli Usa verso la Cina, come voleva Trump, ma al costo di un sostanziale peggioramento di quello del resto del mondo nei confronti di Pechino. E alla fine dei conti, la Cina ci ha pure guadagnato. Diversificare è stato l’asso nella manica dei cinesi. Gli Usa sono ancora il primo cliente dei cinesi. Ma il resto del mondo, con il quale la Cina intrattiene rapporti commerciali sempre più intensi, è il secondo. Per ora.

Cronicario: La milionata di cittadinanza


Proverbio del 20 gennaio L’insetto silenzioso supera le muraglie

Numero del giorno: 4 Calo % produzione costruzioni in Italia a novembre

Nel giorno in cui viene fuori che una Onlus di Brescia affittava 250 lavoratori in nero, alcuni dei quali titolari di sussidio di disoccupazione, ai ristoranti della sua zona, non si può che salutare con un fremito commosso l’Inps che ha annunciato urbi et orbi di passare l’obolo di cittadinanza a 1 milione e 41 mila persone, per un importo medio di euro 493.

Fremito commosso perché sono certo che l’Inps, come ha fatto per i 56.000 che hanno avuto il reddito segato e per i circa 400 mila che ci hanno provato ma gli ha detto male, controllerà strenuamente la milionata di cittadinanza che alimento con le mie tasse di cittadinanza, esattamente come faceva per quei lavoratori in nero, beccati dalla finanza, che avevano il sussidio di disoccupazione. Perché i furbi ci sono dappertutto. Ma l’Inps vigila, signora mia.

Ma nel caso mi dovessi sbagliare – l’Inps non voglia – prego l’illustrissimo Presidente, che oggi su un noto quotidiano ha proposto di potenziare le pensioni, dare un salario minimo e di sconfiggere di nuovo la povertà, di passarsi una mano sulla coscienza. Ovviamente su quella di cittadinanza.

A domani.

Il declino secolare del debito “sicuro”


Un bel paper pubblicato dal NBER ci informa di un’altra delle tante, curiose, tendenze economiche emerse nel corso del secolo scorso che sembra caratterizzare anche quello nuovo: la sostanziale scomparsa del debito assicurato. Vale a dire delle obbligazioni garantite da collaterali sicuri – tipicamente asset reali – che la gran parte della letteratura economica giudica ottimali sia per il debitore, in quanto il collaterale lo aiuta a “piazzare” il proprio debito facilmente e a un costo inferiore, sia per il creditore che trova nel collaterale una garanzia robusta che lo mette al riparo da eventi avversi.

Fin qui nulla che il buon senso non ci suggerisca. Ma come spiegare allora il graduale e sostanziale diffondersi del debito obbligazionario – ci si riferisce al settore corporate – non assicurato?

I dati raccolti dalla ricerca, riferiti ai prestiti obbligazionari concessi al settore corporate Usa, ci raccontano infatti che nel 1900 i bond garantiti da collaterale (“secured”) erano il 98,5% del totale. Nel 1943 questa quota era già scesa al 66%, intraprendendo quel trend discendente che condurrà il debito assicurato al 50% del totale nel 1970 e addirittura al 13% nel 2007.

Solo dopo la crisi, che evidentemente ha messo a dura prova la fiducia, il debito assicurato è salito lievemente al 15%. “Ma è troppo presto – sottolinea il paper – per dire in che misura ciò corrisponda a un’inversione del trend precedente o se si tratti di un andamento ciclico”.

Gli autori si chiedono come mai le aziende abbiano preferito nel tempo emettere debito non garantito, che ovviamente risulta più costoso e difficile da collocare. Le risposte sono diverse, ma prima ancora di scorrerle, partiamo da un altro dato assai eloquente: la quantità di debito emesso nell’ultimo secolo.

Forse anche questa variabile ha avuto la sua importanza. Non deve essere semplice trovare collaterale a sufficienza per importi così elevati di prestiti. E in effetti fra le spiegazioni individuate ci sono – da una parte – il declino della domanda dei creditori per queste obbligazioni assicurate, per la semplice ragione che al minor costo per il debitore corrisponde un minor guadagno per il prestatore. E poi – dall’altra parte – proprio la diminuita disponibilità dei debitori a procacciarsi il collaterale. Vuoi perché ne servirebbe una quantità crescente, vuoi perché comunque il collaterale ha un costo.

Al declino del debito assicurato, inoltre, può aver contribuito in maniera sostanziale anche il miglioramento dell’ecosistema che ruota attorno al credito alle imprese. Quindi i miglioramenti legislativi – ad esempio la legislazione sulla bancarotta – ma anche quelli nell’organizzazione delle imprese. Come d’altronde hanno influito gli sviluppi finanziari nel mondo della politica monetaria e del credito e la natura stessa dei collaterali, nel tempo divenuti sempre meno tangibili.

Quali che siano le ragioni, il declino secolare del debito assicurato è un ottimo termometro per misurare non solo la fisionomia, ma anche la temperatura del sistema finanziario, in un momento di estrema volatilità della fiducia. Quel che pare evidente, scorrendo il paper, è che questa evoluzione, che si è consumata nel mercato obbligazionario Usa, probabilmente si è diffusa e si sta diffondendo anche nel resto del mondo. Nulla di che sorprendersi, a ben vedere.