Cronicario: Nel paese delle mamme tardive


Proverbio del 28 marzo Un cane alla catena s’incattivisce. Un uomo pure

Numero del giorno: 70 Numero medio morti ogni giorno per incidenti stradali UE

Nel paese delle mamme tardive, le donne si trovano ad esser madri in media quasi a 31 anni, conquistando il primato europeo in questa poco edificante prassi, alla quale corrisponde anche quello d’essere madri con in media poco più di un figlio a testa, e non ci vuole una laurea a capire perché, visto che il tempo semplicemente passa.

Notate che l’ultimo paese in classifica, che in questo caso vuol dire che lì le donne partoriscono il figlio più giovani di tutte le altre, è la Bulgaria, e quando dicono che nel paese delle mamme tardive le mamme son tardive perché la crisi, le impari opportunità, la mancanza di sostegno pubblico, il welfare farlocco, il gender gap, la discriminazioni sul lavoro e tutte quelle cose verissime, non spiegano come mai in Bulgaria, che ha un Pil pro capite di poco più di seimila euro, le mamme non si facciano tutti questi problemi. Appunto per questo, diranno gli intelligentoni: sono poveri e quindi figliano, come facevamo noi negli anni ’50. Dal che ne deduco che noi siamo ricchi, se fosse così semplice. Ma riecco gli intelligentoni che mi ricordano che da noi c’è la crisi, le impari opportunità, la mancanza di sostegno pubblico, il welfare farlocco, il gender gap, la discriminazioni sul lavoro e tutte quelle cose verissime che finisce che non spiegano un bel nulla.

Allora vado per vie traverse e scopro un pregevole lavoro di Bankitalia che racconta come la tassazione immobiliare abbia evidenti effetti sul livello non solo dei prezzi degli immobili, ma anche sui canoni di locazione.

Infatti, chi l’avrebbe mai detto? E tuttavia è così: tassare sul serio la prima casa farebbe scendere sia i canoni d’affitto che i prezzi delle abitazioni, e forse questo aiuterebbe una mamma del paese delle mamme tardive ad essere meno tardiva quando si tratta di mettere su famiglia, almeno portandola al livello della Germania, che incidentalmente è più ricca di noi e tuttavia lì le mamme sono meno tardive, per non parlare della Francia dove sono ricchi almeno quanto noi e lì non solo le mamme sono quasi precoci, ma fanno pure il doppio dei figli del paese delle mamme tardive.

Proprio così. E invece da noi al massimo si tassa la seconda casa che, sempre secondo Bankitalia, non provoca altro che far salire i prezzi delle case e delle locazioni, alla faccia di chi vuole mettere su famiglia.

Scopro poi che nel paese delle mamme tardive il servizio sanitario si colloca agli ultimi posti in Europa, e mi domando davvero ingenuamente se questo in qualche modo non finisca per influenzare la sua vocazione di paese dalle mamme tardive.

E che però al tempo stesso il paese delle mamme tardive è ottavo al mondo per il numero delle pubblicazioni scientifiche, che si ricava dividendo il numero di pubblicazioni per il totale dei ricercatori, molti dei quali immagino siano donne intelligentissime che a furia di ricercare si ritrovano a un certo punto mamme tardive, così come succede a tantissime altre che ricercatrici non sono eppure lavorano lo stesso tantissimo. Probabilmente troppo.

Allora mi viene il dubbio che il paese delle mamme tardive sia confuso e infelice. Ma sicuramente sbaglio.

A domani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...