Cronicario: Parte la Brexit in stile vispa Theresa May(be)


Proverbio del 29 marzo Ogni passione ha la sua intelligenza

Numero del giorno: 7,4 Aumento annuale % prezzi importazione in Germania 

Alla fine la vispa Theresa May, genialmente soprannominata tempo fa dall’Economist May(be) ha firmato fra gli scatti dei fotografi l’atto che formalizza l’attivazione della Brexit. Finita la pacchia dell’opposizione, diciamo così, ora tocca governare una roba assai complicata che fra le altre cose va a turbare un trecento miliardi di commercio estero la metà dei quali circa con l’Ue.

Che farà la vispa Theresa? La storia è sempre la stessa e l’ha scritta Luigi Sailer più di 150 anni fa. La ricordo agli smemorati: “La vispa Teresa/avea tra l’erbetta/A volo sorpresa/gentil farfalletta/E tutta giuliva/stringendola viva/gridava a distesa: “L’ho presa! L’ho presa!”. A lei supplicando/l’afflitta gridò: “Vivendo, volando che male ti fò? Tu sì mi fai male/stringendomi l’ale! Deh, lasciami! Anch’io/son figlia di Dio!”.
Teresa pentita/allenta le dita: “Va’, torna all’erbetta,/gentil farfalletta”.
Confusa, pentita,/Teresa arrossì,/dischiuse le dita/e quella fuggì.

Mentre che osserviamo il viaggio dell’UK verso chissà dove, non possiamo che augurarle che la May sappia fermare i problemi che sicuramente incontrerà oltre a firmare la fuga dall’Alcatraz brussellina. E che abbia anche un capiente libretto degli assegni, visto che l’UK deve finanziare ogni anno un notevole deficit sull’estero.

Piaccia o no ai britannici, loro hanno bisogno di noi, il contrario è opinabile. Trattandosi della (non) notizia del giorno, non mi stupisce trovare il cronicario globale compenetrato a celebrare questo giorno storico. Sicché scorrendo le timeline finisce che uno si perde altre cose, che al contrario della pseudo Brexit marzolina – ci vorranno due anni prima che si intraveda un cambiamento – sono assai pregnanti.

La prima che trovo riguarda gli Usa la cui posizione netta degli investimenti esteri, ossia il saldo fra il valore dei loro investimenti all’estero e quello degli investimenti esteri negli Usa è arrivata ad essere negativa per 8.109,7 miliardi di dollari.

Per farvela digerire meglio – la NIIP (Net International investment position) è una brutta bestia – ve la illustro così:

In pratica il resto del mondo ha oltre 30 trilioni di asset denominati in dollari che sono debiti per gli americani. Notate con quanta grazia la curva fra debiti e crediti degli Usa si allarghi dal 2008.

Vi saluto con quest’altra chicca che ho scovato sulla Reuters. Il Dipartimento del commercio ha rimosso la ZTE, gigante delle telecomunicazioni cinesi, dalla black list del commercio dopo che la compagnia cinese ha confessato di aver violato l’embargo verso l’Iran e accettato di pagare 900 milioni di dollari di sanzione. La ZTE è la prima compagnia cinese per numero di brevetti presentati l’anno scorso e adesso è pure tornata nelle grazie degli Usa. Un altro pezzetto di secolo asiatico.

A domani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...