Cartolina. L’altro virus cinese


Ora che punta decisamente verso il 280% del pil, il debito cinese, accelerato dalla pandemia, minaccia di diventare quello che è sempre stato pur senza esserlo davvero: un pericolo pubblico internazionale. Lo è sempre stato, un pericolo, perché, malgrado i debiti siano in gran parte domestici, queste obbligazioni rischiano di zavorrare pesantemente un’economia sulla quale il mondo intero conta per trainare una domanda sempre più fiacca. Ma non è mai stato davvero, un pericolo, questo debito perché in fondo i cinesi se lo possono permettere, almeno fino a quando durerà la giostra globale che fa fluire merci, servizi e soprattutto dollari, per tutto il mondo. La pesantezza del debito cinese è inversamente proporzionale alla velocità della globalizzazione. I cinesi l’hanno capito e per questo tifano per l’internazionalizzazione. Altri, che sono nella stessa condizione, fanno il contrario. Questo è l’autentico pericolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.