Cronicario: Vi presento l’europeo medio


Proverbio dell’8 maggio I saggi parlano parole semplici

Numero del giorno: 21.000.000.000 Calo emissioni bond banche italiane 2016

Dunque oggi si celebra lo scampato pericolo francese e tutto il cronicario globale risuona di giubilo talmente ottuso che qualcuno scrive persino che i mercati non festeggiano perché avevano già scontato la vittoria di Macron.

Perciò, visto che il clima è questo – cazzeggio libero – il vostro Cronicario ci sguazza come un pesce nell’acqua. Ma certo ha molto da imparare. Prendete Eurostat: all’apice del cazzeggio ha preso spunto dall’entusiasmo generale per rammentare che domani, 9 maggio, è il giorno dell’Europa, quello della “dichiarazione Schuman” del 1950 quando l’allora ministro degli esteri francese tenne un discorso a Parigi per illustrare la sua idea di cooperazione politica che ha contributo a portarci dove siamo.

Bene quale opera meritoria di commemorazione, che mi ha fatto Eurostat? Ha trovato l’uomo medio europeo. Poi dice che la statistica non serve.

Allora com’è questo uomo medio europeo? Eurostat ce lo spiega in un video che dura 2,16 minuti. Non vi voglio guastare la sorpresa, ma sappiate che in media siamo ultraquaratenni che lavorano più di 40 ore settimanali  ed è previsto che lavorino (gli uomini) per quasi quarant’anni. Vi risparmio il resto perché tutti ‘sti quaranta mi hanno fatto pensare prima alla quarantena e poi alla quaresima.

Perciò abbandono l’Europa e le commemorazioni e mi dedico religiosamente alla lettura del discorso del presidente della Consob al mercato finanziario, che non capisco bene cosa sia – una sorta di messaggio a reti unificate che trasmettono sull’ignoto – però si chiama così. Qui trovo delle autentiche perle di saggezza che dovete assolutamente conoscere. “L’euro avrebbe potuto favorire, anche grazie all’effetto benefico della pressione del vincolo esterno, l’adozione di un modello virtuoso di sviluppo per il sistema produttivo italiano (..) negli ultimi vent’anni il nostro sistema produttivo ha subito un’erosione di competitività nell’ordine del 30% rispetto alla Germania (..) la moneta unica ha creato un ecosistema in cui la competitività può essere difesa e incrementata solo attraverso la leva dell’istruzione, dell’innovazione e delle riforme (..) il solo annuncio di un ritorno a una valuta nazionale provocherebbe, da parte degli investitori internazionali, un immediato deflusso di capitali, tale da mettere gravemente a repentaglio la capacità dell’Italia di rifinanziare il terzo debito pubblico del mondo. Italexit sarebbe uno shock per l’intera eurozona. Ne metterebbe a rischio la sopravvivenza”. Insomma abbiamo in mano la bomba atomica della finanza internazionale. Sono sicuro che tutto ciò ci condurrà a una decisa assunzione di responsabilità collettiva.

E niente oggi non si riesce a smettere di ridere. Vive la France.

A domani.

 

Dal 2012 The Walking Debt ha regalato oltre 1.000 articoli e diversi libri a tutti coloro che hanno avuto la cortesia di seguirci. Adesso stiamo lavorando al progetto Crusoe e vi chiediamo di continuare a seguirci partecipando alla sua crescita e al suo sviluppo. Sostenere Crusoe significa sostenere l’idea di informazione basata sul rapporto con le persone e senza pubblicità. Per sostenerci basta molto poco, e si può fare tanto. Tutte le informazioni le trovi qui.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...