Cartolina: Quando la crescita finisce


Il problema economico non è avere una crescita costante ma gestire la crisi. E’ quando la crescita si arresta, perché come ogni cosa prima o poi finisce, che occorre il talento economico, ossia la capacità di usare al meglio risorse scarse evitando facili illusionismi fiscali o monetari. E la storia ci ricorda che spesso l’inverno è tanto più rigido quanto più è durata la bella stagione. La più lunga espansione Usa dal dopoguerra, quella iniziata nel 1991, finì dopo 120 mesi col crollo della cosiddetta new economy, che aveva alimentato il meriggio di questa crescita fino all’inevitabile tramonto, che preparò una notte ricca di fortunali. Perciò adesso che gli Usa hanno di nuovo superato per la terza volta nella storia recente i 100 mesi di crescita consecutiva sarebbe saggio domandarsi se sono (e quindi se siamo) pronti alla fine. Se hanno (e quindi se abbiamo) lavorato come la formica d’estate in vista dell’inverno oppure se si sono (e quindi ci siamo) crogiolati come la cicala. Perché la questione non è se arriverà l’inverno. Ma quando.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.