Cartolina: Lo stimolino fiscale cinese


C’è stato un tempo, neanche tanto lontano, in cui ci spiegavano che i consumi cinesi sarebbero stati il volano delle magnifiche e progressive sorti dell’economia internazionale. Si raffiguravano file interminabili e disciplinate di figli dell’Oriente, finalmente patrimonializzati, davanti agli store dell’Occidente, finalmente globalizzato, in attesa di spendere i loro faticosi risparmi in cellulari, automobili, vacanze (possibilmente a Occidente) e tutto l’armamentario del consumatore felice del XXI secolo. E invece non appena il governo cinese e i suoi volenterosi emuli locali hanno smesso di spendere per investimenti di utilità incerta, il pil si è sgonfiato come un soufflé malriuscito. Sicché il governo è tornato a proporre stimoli fiscali per le infrastrutture, come nel 2008, scrivendo un nuovo capitolo di un libro che sembra non finire mai. Ma oggi, a differenza di ieri, lo spazio per far spesa si è ristretto, avendo già i debiti della Cina superato alcune volte il proprio pil. Non che questo sia un problema, dicono i cantori della spesa pubblica come panacea di ogni male. Non lo è difatti. Lo sarà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.