Trump, Libra e il free banking 2.0


Questo pezzo è stato pubblicato su Il Foglio sabato 13 luglio.

In una delle sue intemerate diffuse via Twitter il presidente americano Donald Trump ha messo all’indice Libra, il progetto di valuta virtuale presentato da Facebook  che dovrebbe veder la luce l’anno prossimo e i cui meccanismi di funzionamento si conoscono solo per grandi linee. Ma questo per Trump è sufficiente. “Non sono un fan di bitcoin e altre criptovalute – ha scritto -, che non sono soldi e il cui valore è altamente volatile e basato sul nulla”, Dal suo punto di vista “Libra avrà poco sostegno ed affidabilità”. Ma soprattutto “se Facebook e altre compagnie vogliono diventare una banca devono ottenere un’autorizzazione bancaria ed essere soggetti a tutte le regole bancarie, come le altre banche, sia nazionali che internazionali”. L’invettiva si giustifica con la convinzione che i “cripto asset non regolati possano facilitare comportamenti illegali”.

Le sparate del presidente Usa spesso dicono più di quel che sembra. E in questo caso raccontano di un timore, evidentemente crescente, che i giganti del web possano arrivare a questionare il principio della moneta statale, emessa da una banca centrale indipendente dal Tesoro (questo probabilmente a Trump piace meno), ma che in qualche modo giochi insieme con i poteri statali, perché in fondo la moneta è un asset pubblico. Questa weltanschauung è ampiamente condivisa a tutti i livelli. Non è certo un caso che nella sua ultima audizione al Congresso anche il presidente della Fed, Jerome Powell, di sicuro al momento non in corrispondenza di amorosi sensi con il presidente Usa, abbia espresso preoccupazione per Libra riferendo che se ne parlerà la prossima settimana tra i ministri delle Finanze e i banchieri centrali dei Paesi del G7 in Francia. E Powell è solo l’ultimo ad avere espresso preoccupazione e lanciato allarmi.

D’altronde i timori su possibili usi distorti di questi strumenti sono fondati. Quando è stata presentata Libra, fra gli argomenti addotti a sostegno dell’iniziativa c’è stato quello che la moneta di Facebook, che dovrà essere acquistata utilizzando monete “reali”, favorirà l’accesso al sistema finanziario anche di molti oggi ai margini del sistema economico, senza neanche un conto corrente. Rimane da capire in che modo un soggetto che non ha un conto corrente, possa disporre un acquisto elettronico. In attesa di saperlo, possiamo solo ipotizzare che si utilizzi il credito telefonico, che si può ricaricare in contanti. E questo spiegherebbe perché nel consorzio di Libra, che sarà chiamato a gestire la moneta e l’infrastruttura come se fosse una banca centrale, si trovino soggetti come Vodafone e Iliad. In alternativa, si potrebbe disporre di carte di pagamento pre-caricate. Ma in un caso o nell’altro, sono evidenti i rischi che lo strumento favorisca attività illecite, in primis il riciclaggio di denaro.

Ma se questo è il lato oscuro, sul quale le autorità fanno bene a vigilare, rimane aperta la questione: Libra e le sue cugine virtuali possono davvero rappresentare una minaccia per il sistema dei pagamenti internazionali, basto sulla banca centrale e le banche commerciali?

Oggi si fatica pure a crederci, ma c’è stato un tempo, oltre un secolo fa, nel quale l’emissione di bancone, e quindi di valuta, non era statalizzata ma libera. Chiunque abbia letto “The rationale of central banking and the free banking alternative“, pubblicato nel 1936 da Vera Smith conosce perfettamente questa storia, che poi condusse al sistema che usiamo adesso, che ci sembra immutabile. Ma nulla lo è veramente. Le istituzioni evolvono coi tempi e gli incumbent tendono sempre ad alzare barriere. C’è da attendersi che lo Stato ricordi, con tutta la rudezza di cui è capace, le sue prerogative. E questo spiega perché Trump dica che se le Big Tech vogliono fare una banca devono chiedere una licenza. Ma non è detto che la resistenza dei poteri pubblici basti a fermare questa innovazione. Ai tempi del free banking non c’era internet e non esistevano compagnie che avevano la potenza di fuoco globale di Facebook o di Ali Baba. Oggi il free banking, in versione 2.0, potrebbe condurre ad esiti assolutamente diversi dal passato. E stati e banche centrali lo hanno capito da tempo.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.