Il mini euro rilancia l’export tedesco extra Ue


Ci sono almeno tre punti interessanti da osservare nella release dell’istituto statistico tedesco che monitora il commercio estero della Germania.

Il primo, e più evidente, è il boom delle esportazioni tedesche, che malgrado un ragguardevole aumento delle importazioni, ad aprile 2015 ha toccato un +7,5% rispetto ad aprile 2014 e un +5,9% nel primo quadrimestre 2015 rispetto allo stesso periodo 2014.

Il secondo punto è che la crescita più ragguardevole si è avuta nei paesi fuori dalla zona euro, sia quelli europei della Ue che quelli cosiddetti terzi.

Nei paesi dell’euro, la crescita dell’export tedesco è stata rispettivamente del 3,3% e 3,1% rispettivamente nel confronto aprile 2015/aprile 2014 e primo quadrimestre 2015/primo quadrimestre 2014. Mentre l’export nei paesi Ue ma non aderenti all’euro è cresciuto è cresciuto rispettivamente del 6,6 e 7,1%.

Nei paesi terzi l’incremento è stato ancora più marcato: l’11,8% sui mesi e il 7,9% sul quadrimestre. Ciò lascia supporre che la svalutazione dell’euro nei confronti delle valute estere abbia lavorato bene per l’export tedesco. Il che dovrebbe crearci qualche interrogativo sulla vulgata che vuole il governo tedesco poco accomodante verso le politiche monetarie allentate della Bce.

Il terzo punto interessante è l’aumento del peso delle rendite sull’economia tedesca, che possiamo osservare guardano al reddito primario del conto corrente della bilancia dei pagamenti. Tendenza che non è esagerato definire storica, visto che ormai va avanti da quando è scoppiata la crisi.

In particolare, i redditi primari, sempre nel quadrimestre, sono passati dal 20,8 miliardi a 22,3, un incremento di oltre il 6%, persino superiore all’aumento di valore registrato nell’export complessivo di merci, passato dai 371,7 miliardi del primo quadimestre 2014 ai 393,9 del 2015.

Altresì è molto istruttivo osservare l’andamento delle importazioni.

Così come è successo nel nostro paese, dove le importazioni sono aumentate, anche in Germania l’import totale è cresciuto del 2,8 ad aprile 2015 e del 2,1 nel quadrimestre. Ma la crescita delle esportazioni è stata decisamente più forte, tanto da più compensare quella dell’import. Il saldo nel quadrimestre, infatti, è passato dai 64,9 miliardi del 2015 agli 80,7 del 2015.

Anche sul conto delle importazioni è visibile l’effetto della svalutazione dell’euro. L’import nel quadrimestre dagli altri paesi dell’eurozona è aumentato appena dell’1,1%, mentre quello dagli altri paesi Ue dell’1,4. Rispetto ai paesi terzi l’import, sempre nel periodo considerato, è cresciuto del 3,7%.

Il risultato di questi movimenti è che il current account tedesco è passato dall’attivo di 66,4 miliardi del primo quadrimestre 2014 ai 79,4 del 2015. Un incremento di oltre il 19%, malgrado sia i servizi che i redditi secondari tedeschi, ossia le altre partite del conto corrente, abbiano registrato un deficit complessivo di quasi 28 miliardi.

Insomma: la Germania continuare a macinare record.

Chissà come la prenderanno gli americani, che non perdono occasione per ricordarglielo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...