Le ragioni nascoste dietro il totem della diseguaglianza


Discorrere di diseguaglianza, dieci anni dopo la peggiore crisi dagli anni ’30 del secolo scorso, è garanzia di sicura attenzione da parte di folle oceaniche più o meno arrabbiate per ciò che è accaduto, insoddisfatte per come si manifesta il presente, e spaventate quando guardano al futuro. In tal senso la diseguaglianza è una di quelle parole magiche che appartengono al moderno culto tribale che incarna l’economia del nostro tempo. Un culto che venera misteriose divinità – pensate al pil o al deficit strutturale o ad altre amenità statistiche – e pratica cerimoniali – le manovre finanziarie di un governo o di una banca centrale – abitati da sciamani che evocano totem capaci di generare effetti magici sulle folle. Ecco, la diseguaglianza è uno di questi. Conferma in ognuno la sensazione di aver subìto e subire un torto – che poi è la peggiore eredità della crisi – e insieme individua il rimedio: maggiore uguaglianza. Che è un’altra parola magica che ha il vantaggio di placare gli animi esacerbati senza neanche bisogno di spiegare cosa significhi né come si possa perseguire. Sicché all’osservatore che voglia comprendere senza pregiudizi di cosa si discorra esattamente quando si parla di diseguaglianza e della necessità di una maggiore eguaglianza, non restano che due strade da percorrere: accettare la fatica del ragionamento, magari fondato su elementi di fatto, o sintonizzarsi con l’onda emotiva che promana da queste folle esauste e produrre uno di quei pensierini edificanti che si esauriscono nello spazio di un post su qualche social network il cui succo è: si, c’è troppa diseguaglianza e serve una maggiore eguaglianza, in un trionfo di retorica tautologica. Noi abbiamo scelto la fatica del ragionamento.

Il resto dell’articolo è disponibile su Crusoe, una newsletter che si può leggere solo abbonandosi. Tutte le informazioni le trovi qui.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...