Cronicario: Pagare il 20 per cento di tasse e non saperlo


Proverbio del 6 dicembre Dove c’è abbondanza di parole c’è carenza di intelligenza

Numero del giorno: 28,9 Quota % di italiani a rischio povertà o esclusione sociale nel 2016

Aveva ragione quel tale che diceva che esistono le bugie, le dannate bugie e poi le statistiche. Me ne convinco mentre leggo l’Istat giurare e spergiurare che “nel 2016, l’aliquota media del prelievo fiscale a livello familiare si conferma stabile al 19,4% rispetto all’anno precedente”.

Ora essendo persona istruita (e questo è sicuramente un problema ai giorni nostri) freno l’istinto belluino che mi suggerisce di denunciare il mio commercialista – e a seguire l’Agenzia delle Entrate – per appropriazione indebita e mi convinco a credere, facendo leva sulla ragionevolezza che mi ricorda la complessità del reale, che lo sproposito di tasse che pago ogni anno, malgrado vari carichi familiari, faccia di me un’aberrazione statistica sicuramente non contemplata dall’istituto nazionale, che ha l’obbligo di volare alto. Ma poi quando inizio a dire in giro che la media delle tasse sulle famiglie è inferiore al 20% ottengo sempre la stessa reazione, cortese ed educata ma vagamente incredula.

Insomma: paghiamo il 20% di tasse e ci lamentiamo pure. E’ chiaro che l’Istat dice sicuramente il vero. Ma è colpa nostra che non ci crediamo. E pensare che abbiamo pure creduto alla flat tax del governo del cambiamento.

Proprio così. Quindi possiamo pure credere all’Istat. A proposito. Nel caso apparteniate alla categoria dei monoreddito con tre figli o più, sappiate che per voi il prelievo fiscale arriva all’8,4%. E a questo punto sentitevi pure liberi di ridere.

A domani.

Annunci

Un Commento

  1. Gior

    Interessante questo dato sui 2 polli. Non capisco come sia stato calcolato. E’ semplicemente e’ il rapporto tra 2 totali che include tutti i redditi? La tasse sono quelle dirette? Nelle famiglie ci sono anche le famiglie Agnelli e quelle degli agnellini? Cerco di interpretare. L’IRPEF e’ il 23% fino a 15 mila euro e il reddito medio annuo e’ 15.000 euro o poco piu’, aggiunte le tasse locali, tolte le detrazioni (molto diverse da caso a caso) si arriva al 20%. Se i tuoi dati sono la media dei totali si giunge al 20% con il concorso della tassazione sui redditi piu’ alti e quella sui redditi bassi o inesistente per varie ragioni.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.