Cartolina. Il whatever it takes della Fed


C’è stato un momento, nella giostra finanziaria di queste settimane, in cui il Treasury americano, ossia il fondamento del sistema finanziario globale, è finito sotto attacco e per ottime ragioni. Sono sia di ordine squisitamente tecnico, per il ruolo che svolge come collaterale in molti mercati, fra i quali quello dei repo, sia più sottilmente politiche. Il panico virale, in sostanza, ha testato la capacità di reazione dei regolatori dei mercati. La Fed, tanto per cominciare, che del Treasury – ossia della moneta che lo denomina – è la gelosissima custode. Osservando, dal 9 marzo in poi, le curve crescenti del rendimento del titolo di stato statunitense, che agiva come un buco nero sulla liquidità globale, perché voleva dire che molti vendevano Treasury cercando moneta, non restava altro da fare che l’ennesimo whatever it takes. E quindi tassi di nuovo azzerati e liquidità senza limiti. Il mercato ha bluffato. La Fed ha visto il bluff. Però ha vinto il mercato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.