La spesa per interessi cala, ma non per tutti

Sempre istruttiva e molto informativa, la lettura del Fiscal monitor del Fmi riserva, nell’edizione di aprile, osservazioni molto stimolanti sulla configurazione dell’economia internazionale, ancora alle prese con i guasti della pandemia. Ne deriva che quest’ultima ruba le luci della scena e sembra che null’altro possa essere meritevole di attenzione. Dall’esito dell’emergenza sanitaria deriva quello della nostra felicità futura. E non soltanto perché il virus condiziona la nostra salute. Ma perché ha un effetto diretto e devastante sugli andamenti economici, che sempre alla salute, in un modo o nell’altro, conducono.

Per questo il Fmi, che monitora questi andamenti, sottolinea che non solo la pandemia non è ancora sotto controllo, ma pure che “l’accesso ai vaccini, il ritmo della vaccinazione, l’efficacia di altre misure per frenare il contagio e la scala e
le modalità di sostegno alle politiche differiscono ampiamente tra i paesi. Di conseguenza, le riprese economiche stanno divergendo, con Cina e Stati Uniti che stanno recuperando più velocemente mentre molte economie sono in ritardo o sono ancora stagnanti”. Il tema della grande divergenza, quindi, che non a caso titolo il rapporto del Fondo, è destinato a rimanere sotto i nostri occhi a lungo.

Ma mentre osserviamo l’andamento dei pil, che sembra destinato a disegnare una nuova geografia politica, vale la pena scrutarne un altro, non meno rilevante quanto agli esiti, che però fatica ad emergere nella vulgata: l’andamento del servizio del debito.

Fa sempre più notizia la circostanza che i rendimenti salgano, ma la notizia autentica è che i tassi ufficiali sono tenuti a zero o anche sotto da anni in molte giurisdizioni. Ciò fa pensare che tale politica abbia consentito su larga scala un calo della spesa per gli interessi sul debito, ma così non è. Guardate il grafico sotto.

Mentre nelle economie avanzate la spesa per gli interessi sul debito è diminuita al crescere del rapporto debito/pil, nelle economie emergenti la spesa per interessi è sostanzialmente ferma da un decennio, mentre nei paesi a basso reddito è addirittura cresciuta. Questo non ha nulla a che fare con la pandemia. Piuttosto col modo in cui si è configurata l’economia internazionale, che finisce con lo svantaggiare chi ha meno.

Di quest’altra grande divergenza si parla poco. Forse perché non tutte le verità sono popolari.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.