Etichettato: riforma delle pensioni

Il tabù (previdenziale) nascosto nel cuneo fiscale


Se c’è una cosa sulla quale sono tutti d’accordo in Italia è che bisogna abbassare il cuneo fiscale. Fateci caso: ogni volta che scatta l’espressione “cuneo fiscale” le teste ondeggiano contrite, gli occhi si riempiono di sdegno, le voci si alterano, a rivendicare questo quasi primato italiano, che zavorra il nostro costo del lavoro.

Ne segue la tiritera sulla competitività, i blabla sui poveri redditi italiani falciati da una tassazione ingiusta, sull’assurdo che quello che va in tasca al lavoratore medio costi il doppio al povero datore di lavoro, per arrivare poi al capolavoro di una legge di stabilità ingiuriata da tutta Italia perché dopo tanto discorrere è arrivata a mettere in tasca ai lavoratori qualche decina di euro in più. L’anno.

Stanco di dibattiti inconcludenti, e consapevole che il nuovo governo si giocherà le sue carte migliori proprio sul cuneo fiscale (gli imprenditori rumoreggiano), mi sono armato di santa pazienza e ho provato a capirci qualcosa. E per capirci qualcosa è buona norma partire dalle definizioni.

Quella di cuneo fiscale potremmo sintetizzarla così: per cuneo fiscale s’intende la somma delle imposte (dirette, indirette, contributi previdenziali) che pesano sul costo del lavoro, sia per quanto riguarda i datori di lavoro, sia per quanto riguarda i dipendenti e i liberi professionisti.

Traduco: chi lavora deve pagare le imposte dirette e indirette allo Stato e in più deve versare i contributi all’Inps o ad altra cassa previdenziale. Il totale di queste detrazioni (che quindi corrisponde al mitico cuneo fiscale) viene sottratto al reddito lordo. Quindi più è elevato il cuneo, più basso è il reddito netto.

Per capire ancora meglio dobbiamo ricordare che al cuneo partecipano sia i lavoratori che i datori di lavoro. Secondo le ultime rilevazioni Istat che ho trovato, che risalgono al 2010, il totale del cuneo fiscale in Italia pesa in media il 46,2% sul reddito lordo. Quindi 100 euro di reddito lordo provocano entrate per lo Stato sotto forma di imposte dirette e indirette e contributi per 46,2 euro.

Questa percentuale viene pagata per 25,6 punti dai datori di lavoro e per 20,6 punti dai lavoratori. Quindi abbassare il cuneo fiscale potrebbe/dovrebbe essere una situazione che fa piacere a tutti. Ma è chiaro che molto dipende da come si distribuiscono gli eventuali tagli.

Si può privilegiare, ad esempio, la quota di imposte e contributi a carico delle imprese (ad esempio agendo su Irap e aliquote contributive) o si possono provare a limare le imposte a carico del lavoratore (ad esempio l’Irpef o la sua parte di aliquote contributive). Il governo, insomma, può decidere chi, fra imprese e lavoratori, godrà dei maggiori benefici dall’eventuale taglio. Ma prima ancora il governo dovrebbe fare una scelta di sistema.

Abbiamo visto, infatti, che il cuneo si compone di imposte dirette e indirette e contributi previdenziali. Finora sembra che dietro la generica petizione di principio che bisogna abbassare le tasse sul lavoro, si sia finito per creare (volutamente?) l’equivoco che il lato del cuneo sul quale si può e si deve agire sia quello delle imposte dirette o indirette.

Mentre la parte previdenziale del cuneo è rimasta in ombra. Anzi, sembra quasi un tabù.

Di sicuro è molto più popolare parlare di riduzione dell’Irpef o dell’Irap. Ma la verità, che è scritta nei numeri, è che il peso delle imposte contributive (sono imposte anche i contributi, meglio sottolinearlo) è assai rilevante sul cuneo italiano.

Uno studio recente della Commissione Ue, basato su dati Ocse, (Tax burden on labour), conferma che il cuneo fiscale italiano è fra i più alti d’Europa e nota che la somma fra i contributi pagati dal lavoratori e quelli pagati dall’impresa pesa, sui cosiddetti salari bassi (quelli che non superano il 67% delle retribuzione media) circa il 70% del totale del cuneo. Quindi, sulla media di circa il 47% di cuneo fiscale italiano, circa 32 punti sono contributi e 15 punti sono imposte dirette o indirette.

Vale la pena rilevare che di questi 32 punti di cuneo previdenziale, circa 25 sono a carico delle imprese e il resto sulle spalle dei lavoratori. E ciò spiega perché le imprese chiedano a gran voce che si riduca il loro carico contributivo. Sempre perché la competitività, blablabla.

Se questo è il quadro, rimane addirittura incomprensibile il motivo per il quale il nostro dibattito pubblico sul taglio del cuneo fiscale si concentri sulle imposte dirette e indirette, mentre non si accenna alla parte che pesa di più: i contributi.

Perché?

Per cercare una risposta sono andato a rileggermi gli ultimi dati disponibili sulla spesa previdenziale. Rispetto ai dati del 2010, che già avevo analizzato, ho trovato quelli del 2011 sul sito dell’Istat. Qui leggo che la spesa per prestazioni sociali, che per un buon 85% è rappresentata dal pagamento delle pensioni, nel 2011 è arrivata a 299,032 miliardi, a fronte dei quali l’incasso da contributi sociali (parte rilevante del nostro cuneo fiscale) è arrivato a 229,002: quindi c’è tuttora un deficit sulla previdenza che vale oltre 70 miliardi.

E da dove si prendono questi 70 miliardi? Dalle altre imposte, dirette e indirette, ossia dalla cosiddetta fiscalità generale. Il che significa ancora meno risorse per il taglio delle imposte dirette e indirette. Il cuneo previdenziale, di conseguenza, ha un peso relativa persino superiore a quello finora considerato.

Quindi ci troviamo nella situazione che non solo dobbiamo sopportare un cuneo fiscale fra i più gravosi d’Europa, ma non possiamo neanche tagliare i contributi perché dobbiamo pagare una cifra spropositata di prestazioni sociali. Anzi dovremmo persino aumentarli, visto che i contributi incassati non bastano a coprire il deficit.

Per la cronaca, i dati 2013 mostrano una spesa per prestazioni sociale in costante crescita. I quasi 300 miliardi del 2011 sono diventati 320. Quindi grossomodo 260-270 miliardi sono pensioni.

Ci possiamo permettere di pagare quest’enormità alla rendita sottraendola al reddito?

I numeri ci dicono che è il cuneo previdenziale la vera zavorra del costo del lavoro. Chiamarlo fiscale è solo un grazioso mascheramento utile a sviare l’attenzione dal problema di fondo: se, vale a dire, possiamo continuare a pagare le pensioni che stiamo pagando.

Il buon senso sembra suggerire che le pensioni siano insostenibili oggi, non domani.

Avrete notato che ormai i politici hanno una risposta standard alla domanda se serva o no una riforma delle pensioni. “Scherziamo?”, rispondono indignati, “sono stati fatti tanti interventi e abbiamo il sistema più sostenibile del mondo”.

In questa risposta c’è una mezza verità. La sostenibilità del sistema pensionistico italiano di cui parlano i politici è quella futura, ed è stata costruita sulle spalle di chi lavora oggi e che domani, ammesso che maturi i requisiti, avrà una pensione misera.

Della sostenibilità presente della previdenza italiana nessuno si occupa e anzi se ne nascondono i guasti.

La verità è che di tale sostenibilità presente continuano a farsene carico i lavoratori e i datori di lavoro, che, come abbiamo visto pagano un salatissimo cuneo previdenziale per finanziare il sistema della ripartizione previdenziale, senza che neanche sia sufficiente. Quindi anche il resto della collettività paga un prezzo ai rentier previdenziali.

Se fossero sinceri, i nostri politici dovrebbero rispondere diversamente. “Abbiamo riformato le pensioni per rendere sostenibile il futuro”, dovrebbero dire. “Ma adesso dobbiamo occuparci di rendere sostenibile quanto di disastroso si è fatto in passato”.

Ma queste parole non le sentirete mai.

Chi ha avuto ha avuto.

Si prepara la rivolta delle pantere grigie


La resa dei conti non sarà oggi e neanche domani.

Ma dopodomani sì. Eccome.

Solo che sulle barricate non saliranno, come nella migliore tradizione, torme di giovani arrabbiati, ma arrabbiatissimi anziani, alle prese con condizioni di vita difficili, per non dire misere, frutto di un trentennio abbondante di politiche dissennate e poco lungimiranti, sia sul versante del lavoro che su quello della previdenza.

Fuor di metafora, la questione di come far sopravvivere un esercito di anziani da qui a trent’anni, ossia i giovani di oggi, è uno dei problemi più evidenziati nell’ultimo Pension at glance dell’Ocse, pubblicato pochi giorni fa.

La questione riguarda tutti i paesi avanzati che, pur con le dovute differenze relativa ai diversi sistemi pensionistici, dovranno fare i conti con un invecchiamento “storico” della popolazione, da un parte, che richiederà di destinare agli anziani risorse crescenti sotto forma di welfare (pensioni e sanità in testa) e una carenza endemica di tali risorse, che la crisi del nostro tempo ha aggravato.

Il problema demografico e quello finanziario, in pratica, si intrecciano in una situazione inusitata e potenzialmente esplosiva.

Gli anziani, in teoria, dovranno lavorare sempre di più per tenere in ordine della previdenza, ma non affatto detto che questo basti.

Entro il 2050 l’età media Ocse di pensionamento sarà almeno 67 anni, ma non è affatto detto che le regole previdenziali si accordino con quelle del mercato del lavoro che verrà. Innanzitutto perché prolungare l’età pensionabile ha un effetto diretto sulla possibilità dei giovani di trovare lavoro. Poi perché non basta dire che bisogna lavorare fino a 70 anni perché effettivamente si trovi lavoro fino a quell’età.

A ciò si aggiunga, come scrive che l’Ocse, che “le riforme delle pensioni attuate nel corso degli ultimi due decenni hanno diminuito le promesse di prestazioni pensionistiche per i lavoratori che entrano oggi nel mercato del lavoro”. Con la conseguenza che oggi “il rischio povertà è più alto per i giovani”, visto che, al contrario, per gli anziani di oggi”la riduzione della povertà in età avanzata è stato uno dei maggiori successi delle politiche sociali”.

Insomma, gli anziani di oggi se la passano benino. Il loro tasso medio di povertà è diminuito dal 15,1% del 2007 al 12,8% del 2010 e “il reddito delle persone anziane oltre i 65 anni raggiunge in media l’86% del livello medio di reddito disponibile nel’insieme della popolazione”.

Al contrario, gli anziani di domani dovranno fare i conti, oltre che con il calo generalizzato delle rendite provocato dalle riforme pensionistiche (tutti e 34 i paesi Ocse hanno riformato le loro pensioni negli ultimi anni), con gli alti tassi di disoccupazione odierni e l’alto tasso di precarizzazione, che non offrono nessuna garanzia di riuscire a cumulare un montante contributivo sufficiente ad avere una pensione. E “non sarà sufficiente innalzare l’età di pensionamento per garantire che le persone rimangano effettivamente nel mercato del lavoro”.

I giovani di oggi, quindi gli anziani di domani, si troveranno di fronte a pensioni basse o addirittura inesistenti. “I disoccupati – scrive l’Ocse – le persone ammalate e i disabili rischiano di non potere maturare adeguati diritti alla pensione”.

Altre importanti differenza distinguono gli anziani di oggi da quelli di dopodomani, spiega l’Ocse: il patrimonio, immobiliare o finanziario, di cui possono disporre.

“L’alloggio di proprietà e il patrimonio finanziario integrano le prestazioni finanziarie pubbliche. Nei paesi Ocse, in media, oltre il 75% degli ultracinquantacinquenni sono proprietari di un’abitazione (l’80% in italia), che può rappresentare un notevole contributo al tenore di vita dei pensionati. L’impatto del patrimonio sulla povertà delle persone anziane è limitato poiché il patrimonio finanziario è molto concentrato nella fascia superiore della scala dei redditi”.

Questo in generale, ovviamente, sempre tenendo conto delle differenze fra i diversi paesi.

Rimane il fatto che mentre gli anziani di oggi potranno contare sul salvagente di questo patrimonio, quelli di domani rischiano seriamente di esserne del tutto privi. Chi, oggi, riesce a mettere da parte tanto quanto basta per comprare una casa e addirittura tesaurizzare dei risparmi?

Pure tenendo conto dell’effetto-eredità, ossia della circostanza che molti giovani di oggi entreranno in possesso dei patrimoni dei loro genitori, è chiaro a tutti che non basteranno i lasciti, in mancanza di un reddito, a garantire la formazione di un patrimonio-salvagente da vecchi, da una parte, e di una pensione dall’altra.

A cosa è servito, allora, questo ventennio di riforme? Sostanzialmente a rendere sostenibile la spesa pensionistica. E’ una cambiale pagata al presente, assai più che al futuro.

Se guardiamo al caso italiano, esaminato dall’Ocse, la situazioni di criticità ci investiranno in pieno.

Partiamo da un dato. La spesa pensionistica italiana, nel 2013, ha inciso per il 30% della spesa pubblica, a fronte di una media Ocse del 17% e del 3% dell’Islanda.

La riforma Fornero è servita soltanto a garantire la sostenibilità futura dell’impanto previdenziale, obbligando al passaggio al contributivo per tutti e all’innalzamento graduale dell’età pensionistica. “Dal 2021 – scrive l’Ocse – nessun lavoratore sarà in grado di andare in pensione prima dei 67 anni e dopo l’età pensionabile andrà ben oltre il limite dei 67 anni”.

Questa esigenza nasce da un dato di fatto: l’Italia è il paese che spende più di tutti, il relazione al Pil, per le pensioni. Nel 1990 le pensioni costavano il 10,1% del Pil. Nel 2009 eravamo arrivati al 15,4%, a fronte di una media Ocse del 7,8%, un aumento del 53,3%. Sul totale della spesa pubblica, si è passati dal 19,1% del 1990 al 29,8% del 2009. Un primato assoluto, determinato anche dall’alta percentuale di pensionati in relazione alla forza lavoro. In Italia, infatti, le pantere grigie di oggi pesano il 34,5% a fronte di una media Ocse del 25,5.

E secondo le proiezioni, tale quota di spesa, malgrado le varie riforme, rimarrà sostanzialmente costante fino al 2060.

Il problema, sottolinea l’Ocse, è che “il successo delle riforme pensionistiche si basa fondamentalmente sull’andamento del mercato del lavoro”.

Da qui ne deriva che “l’adeguatezza dei redditi pensionistici potrà essere un problema per le future coorti dei pensionati”. “I lavoratori con carriere intermittenti, lavori precari e mal retribuiti saranno più vulnerabili al rischio povertà durante la vecchiaia. In secondo luogo luogo, oltre alle prestazioni sociali (assegno sociale) per le persone di 65 anni e quelle più anziane l’Italia non prevede alcuna pensione sociale per attenuare il rischio di povertà per gli anziani”.

E qui torniamo alla premessa.

Oggi non succederà nulla e domani neanche.

Ma dopodomani, in assenza di fatti nuovi e in un’epoca di bilanci pubblici al lumicino, saranno le pantere grigie a finire sulle barricate.