Due anni dopo. Thewalkingdebt.org

E’ buona norma farsi regali, quando si celebra un compleanno. E poiché oggi il blog compie due anni – incredibile – ho pensato di regalarci un bel dominio proprietario, che poi è quello che completa il titolo di questo post: thewalkingdebt.org.

Non c’è bisogno che aggiorniate il vostro bookmark. Il vecchio indirizzo porta direttamente su quello nuovo.

A chi si chiede perché abbia scelto il suffisso .org, rispondo dicendo che intanto non c’era granché disponibile on line.

E poi mi piace il suffisso .org. Credo sia coerente con lo spirito di questo blog, che è aperto e senza scopo di guadagno che non sia quello delle idee e della conoscenza.

Fa molto onlus. E credo che oggi la cosa più eversiva dell’ordine economico costituito sia la gratuità.

Riscoprire il valore economico del dono è uno di quei passi che tutti dovremmo tornare a calcare, se davvero volessimo risanare il nostro povero tessuto socioeconomico disintegrato dal capitale fittizio.

Perciò appena ho visto il .org disponibile me lo sono accaparrato.

Rispetto a un anno fa, quando celebrammo il primo compleanno, sono cambiate alcune cose.

La prima è che il numero degli articoli letti è più che triplicato. Ormai abbiamo superato i 105mila, mentre scrivo, che magari sembreranno pochi alle blogstar, ma a me sembrano tantissimi, visto ciò che scrivo e come lo scrivo.

La poetica di questo blog – niente grafici né tabelle, niente video o immagini, niente ideologie ma pacato ragionamento – sembra fatta apposta per scoraggiare qualunque forma di successo. E anche questo, insieme alla gratuità, ne fa un prodotto profondamente eversivo della logica da popstar che ormai contraddistingue qualunque forma di espressione.

Questo blog si fonda e si basa solo sulla qualità della narrazione, ossia sulla parola, e per giunta scritta. Non riesco a immaginare nulla di più antistorico. Costringere a leggere nella società dell’immagine è assolutamente fuori luogo.

Tutto ciò fa di TheWalkingDebt un blog inattuale e assai poco popolare.

Ma, vedete: non è che ho scelto di scriverlo così perché amo la civetteria degli snob. L’ho scritto e lo scrivo così perché non so fare diversamente. E l’autenticità dell’autore è l’unica garanzia dell’onestà del prodotto, al netto degli inevitabili errori che posso commettere. Quindi abbiate pazienza e scusatemi. Spero che la passione e l’impegno che ci metto bastino a supplire alla mia deficienza di modernità.

La seconda cosa cambiata è che ci sono due libri in più da scaricare gratuitamente, ossia Eu-topia, e Tedioevo. Altri due mattoni del discorso economico che abbiamo iniziato insieme e che spero possa proseguire con reciproca soddisfazione.

La terza è che i follower e i simpatizzanti sono parecchio aumentati, in quest’ultimo anno, e con loro è aumentata giocoforza la qualità dei contenuti.

Ciò per dire a voi tutti che leggete che ognuno è prezioso e unico, e non dovete dimenticarlo mai. Chiunque contribuisca, anche solo leggendo, a questo discorso aggiunge un pezzetto del suo spirito al blog, generando un organismo sempre più grande ed evoluto che piano piano si farà strada nel mondo.

Mi piace questa crescita lenta e costante, basata su amore e pazienza, che somiglia a quella dei bambini, e spero che insieme cresceremo un organismo sano, forte e longevo, che diventerà sempre più saggio, e quindi utile, con l’età.

Questo organismo, che ormai ha due anni e ha imparato a camminare, oggi viene battezzato con il suo personalissimo .org.

E questo, infine, è il motivo più autentico del regalo.

Buon compleanno a tutti.

E grazie per l’attenzione.

 

  1. Nisio Magni

    Grazie per gli auguri, li ricambio con grande piacere, ho trovato questo anno casualmente la porta per entrare in questa casa, mi sono affacciato a sentire cosa si diceva dentro e ormai tutti i giorni mi siedo in questo salotto, a riflettere … in famiglia. Nisio Magni

    "Mi piace"

  2. Mauro

    Bello Onesto e Diretto il tutto molto a Innovativo come l’accostamento alle Onlus. Fare del bene agli altri, divulgando la propria idea, con l’unico spirito di comunicare e aprire le menti.
    Grazie
    Mauro

    "Mi piace"

    • Maurizio Sgroi

      salve,
      aprire le menti temo sia al di sopra delle mie umili possibilità. colloquiare con ognuno di voi invece non lo è. ma se non ci foste voi la mia sarebbe una voce sorda.
      grazie a lei perciò per essere qui con noi
      buon compleanno

      "Mi piace"

      • italy4d

        I commenti, nel mio caso, sono pochi e nascono solo da lente riflessioni, che molto spesso vengono travolte da avvenimenti successivi o, semplicemente, dalla vita che ti allontana dalla tastiera (e guai se non lo facesse). Ma leggo quasi sempre e leggo quasi tutto, Maurizio. Grazie, buon compleanno a TWD e lunga strada.

        "Mi piace"

      • Maurizio Sgroi

        salve,
        i commenti trattenuti sono i più preziosi, perché poi, quando saranno espressi, saranno più densi e meditati. quindi non si preoccupi se non trova il tempo per la tastiera. abbiamo tutto il tempo del mondo. più o meno 😉
        grazie per l’attenzione
        e buon compleanno

        "Mi piace"

  3. Saint Simon

    Ho scoperto il suo blog da poco; mi chiedo come ho potuto farne a meno fino ad adesso: l’avessi incontrato tempo fa, sarei molto piu’ avanti nelle analisi della crisi che viviamo.
    Il suo e’ un tentativo documentato ed autentico di tracciare la mappa degli eventi oltre le “colonne d’ercole” fissate dal dibattito e dalla polemica economica-politica attuali. Hic sunt leones. Ma piu’ di questo pur onorevole tentativo, quel che merita elogi e’ l’approccio appropriato, quasi rispettoso, per simili territori cosi’ poco esplorati, ammantati dalla spessa fog of war nella quale viviamo in questi tempi turbolenti.
    Complimenti per il suo lavoro e auguri, meritatissimi, di buon compleanno a lei e ai suoi lettori.

    "Mi piace"

    • Maurizio Sgroi

      salve,
      la ringrazio per gli apprezzamenti e sono lieto che il mio modesto sforzo sia stato così ben compreso. in effetti sto cercando di “alzare la testa” perché sono convinto, come ho avuto modo di illustrare nel freebook tedioevo che la crisi sia solo la declinazione economica di una fenomenologia più profonda, che richiede paziente e umile ricerca lungo il cammino della nostra storia. Mi aiuta il fatto che non sono un economista, ma un semplice dilettante, e che mi sostenga la mia vocazione alla narrazione, che mi consente ampie libertà e licenze che un tecnico della materia difficilmente si concederebbe. ma come ho detto più volte, tutto ciò sarebbe vano senza i lettori che mi regalano la loro attenzione. quindi complimenti a lei, che ha la pazienza di leggermi e la gentilezza di scrivermi.
      grazie per il commento
      e buon compleanno

      "Mi piace"

  4. Alessandro

    Complimenti non solo per i contenuti ma per le motivazioni “rivoluzionarie” antieconomiche che sostengono questa splendida iniziativa. La seguo da poco e la considero una delle migliori fonti di approfondimento che coniuga la competenza nei contenuti a uno spirito di osservazione disincantato e ampio. La sapiente lettura storica rende possibile una interpretazione del quotidiano. Auguri.

    "Mi piace"

    • Maurizio Sgroi

      salve,
      sono lieto di incontrare il suo favore, e vedere che i miei sforzi producono frutto. spero di averla a lungo fra i miei lettori.
      Grazie per l’attenzione e la considerazione.
      buon compleanno

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.