L’Italia a crescita zero


Sicché un venerdì 13 come un altro l’Istat rivela, con grande sollievo nazionale, che la crescita del Pil sul trimestre precedente non c’è stata. Zero.

Strano a dirsi, l’azzeramento della crescita, lungi dallo spaventare, rassicura quasi, essendo terminata – si affrettano a scrivere i tanti commentatori – la decrescita.

Che poi a ben vedere non è così, visto che l’azzeramento del quarto trimestre completa comunque un 2014 con un segno negativo dello 0,4%, persino peggiore di quello -0,3% che il governo aveva vaticinato pochi mesi fa, e che comunque rispetto al quarto trimestre 2013 il calo è stato dello 0,3%.

L’indomani di questo venerdì 13, il titolo che mi suggestiona di più è quello del Sole 24 ore, che in prima pagina nazionale dice che “il Pil dell’Italia tiene” e in un sommario sottolinea come “L’economia italiana risale a zero”. Uno straordinario spiazzamento retorico. Il Pil che tiene risalendo a zero.

Mentre plaudo al titolista, che ha evidentemente a cuore il buonumore nazionale, il maledetto ficcanaso che insiste dentro di me mi dice due cose: la prima è che i margini dell’errore statistico, che gli istituti nazionali si guardano bene dall’evidenziare nelle loro note, oscilla su valori che somigliano agli andamenti del Pil italiano, ossia  più o meno uno 0,1-0,3%.

La seconda cosa è che conviene andarsi a vedere le voci che compongono questo miracoloso ritorno a zero.

Sicché corro a leggere per intero la nota Istat sul prodotto quando, improvvisamente, mi sovviene che prima di questo venerdì 13, così fortunato per l’economia italiana, c’è stato un giovedì 12 nel quale, sempre l’Istat, ha rilasciato un’altra nota che mi sembra importante quanto quella di venerdì 13, ma che però non ha ricevuto l’onore della prima pagina del Sole 24 ore, né di altri giornali altrettanto titolati.

Mi riferisco alle statistiche sull’andamento della popolazione. La vera crescita zero del nostro paese. Per la semplice circostanza che, a differenza delle statistiche del prodotto, che ingannano per senso e sostanza, quelle sulla popolazioni si limitano a raccogliere i numeri di morti e nascite. Niente algoritmi: semplice aritmetica.

Il fatto che tali dati non abbiano dignità di prima pagina, quando anche uno studente di economia sa perfettamente quanto sia stretto il legame fra le questioni economiche e quelle demografiche, dipende da una serie di ragioni, a cominciare dal luogocomunismo del nostro dibattere politico-giornalistico, a finire dall’importanza assoluta che il Pil ha conquistato nel tempo, essendo il denominatore di ogni indice di sostenibilità dei debiti, e quindi, in sostanza del nostro buonumore.

Decido perciò di tentare un esperimento e leggere insieme le statistiche del prodotto con quelle della popolazione.

Comincio dalla prima perché neanch’io sfuggo al luogocomunismo che fa credere che un buon Pil sia la panacea dei nostri mali economici.

Qui leggo che “la variazione congiunturale è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto nei comparti dell’agricoltura e dell’industria e di un aumento nei servizi. Dal lato della domanda, il contributo negativo della componente nazionale (al lordo delle scorte) è compensato da un apporto positivo della componente estera netta”. Quindi aumenta il prodotto nei servizi a scapito di agricoltura e industria, mentre la domanda estera compensa il calo di domanda nazionale.

Poi nel prospetto che sommarizza i tassi di crescita congiunturali noto che non è la prima volta che l’economia italiana “risale a zero”. Era già successo nel terzo trimestre 2013 e nel primo trimestre 2014. E poi è tornata negativa. Per la cronaca, l’ultima stima positiva del Pil è quella che risale al secondo trimestre 2011, con un +0,2%. Sempre ai confini dell’errore statistico.

Insomma, somigliamo a un motore inceppato, che tenta di mettersi in moto ma poi si spegne e che coltiva la speranza di partire perché ha nel serbatoio un po’ di benzina che arriva dall’estero. Faccio davvero fatica a comprendere come sia possibile che un paese che ha una notevole ricchezza finanziaria e patrimoniale come il nostro debba dipendere dalla domanda estera per far rialzare a zero il Pil.

Depresso, cambio argomento e volgo la mia attenzione alla nota demografica, che, se possibile mi deprime ancor di più.

Qui leggo che “regolarmente da un decennio si rileva una riduzione della popolazione di cittadinanza italiana, scesa a 55,7 milioni di residenti al 1° gennaio 2015. La perdita netta rispetto all’anno precedente è pari a 125 mila residenti”. Ciò significa che se non fossero arrivati nel frattempo cinque milioni e 73mila immigrati, non saremmo quei 60 e rotti milioni che ancora siamo, ma assai meno. E mi sovviene, mentre osservo questo dato, un vecchio grafico dell’Ocse, dove si misurava la crescita media del pil pro capite reale del paesi del gruppo fra il 2000 e il 2011 e spiccava il nostro, unico ad avere un tasso negativo dello 0,1%.

Sempre lì siamo, da un quindicennio.

Se fossi un economista mi proporrei di studiare la correlazione fra andamento demografico e (de)crescita del prodotto. Ma poiché non sono capace, mi tengo la domanda e vado avanti.

Sempre nella nota Istat leggo che  “al 1° gennaio 2015 l’età media della popolazione ha raggiunto i 44,4 anni. La popolazione per grandi classi di età è così distribuita: 13,8% fino a 14 anni di età, 64,4% da 15 a 64 anni, 21,7% da 65 anni in su”.

Se fossi un economista, mi chiederei quale sia la propensione al consumo di beni agricoli e industriali, e quale invece la domanda di servizi, di una popolazione che per oltre un quinto è anziana,  e quale sia la sua propensione a fare investimenti, tipo comprare una casa. Ma poiché economista non sono, mi tengo anche questa domanda e continuo a leggere.

Scopro che per la prima volta dall’Unità d’Italia le nascite sono arrivate al minimo di 509 mila e che i morti sono stati 597 mila, quattromila in meno rispetto al 2013. Il combinato disposto ha generato un aumento della speranza di vita, confermandosi l’Italia un buon Paese per la terza età.

Rimane il fatto che senza l’afflusso degli immigrati saremmo in decrescita, anche demografica. E che anche gli immigrati arrivano sempre meno: il saldo migratorio con l’estero, positivo per 493 mila unità nel 2007, è arrivato nel 2014 a 142 mila.

A ciò si aggiunga che il saldo migratorio per gli italiani risulta negativo per 65 mila unità, il 20,25% in più rispetto al 2013. Aumentano, perciò, quelli che vanno via dal Paese. E lascio alla vostra immaginazione di ipotizzare a quale classe d’età appartengano.

Noto infine che, anche al lordo dell’effetto positivo dell’immigrazione, “nel 2014 la popolazione residente consegue un incremento demografico dello 0,4 per mille, il più basso degli ultimi dieci anni. In termini assoluti l’incremento è pari ad appena 26 mila unità, il che determina una popolazione totale di 60 milioni 808 mila residenti al 1° gennaio 2015”.

L’incremento dello 0,4 per mille della popolazione mi fa pensare immediatamente alla risalita a zero del Pil del quarto trimestre. E allora capisco che il Pil fotografa ciò che l’Italia è diventata in questi ultimi dieci e passa anni: un Paese che non vuole più crescere, ma solo invecchiare in pace.

L’Italia è a crescita zero.

Il problema è che le piace.

 

 

Annunci

  1. Jean-Charles

    Nel 2014, gli Italiani avranno pagato circa 78 miliardi d’interessi sul loro debito pubblico medio di circa 2100 miliardi, mentre i Francesi ne avranno pagato solamente 48, per un debito medio di circa 2000.

    30 miliardi d’interessi pagati in più e tolti dalle tasche dei soliti ignoti abbassando il famigerato PIL di almeno il 150% dei 30 miliardi pagati in più e se questo non fosse, saremmo a circa 1700 miliardi di PIL.

    Si vede, l’Italia è una Repubblica democratica fondata sui lavori…di una certa élite, che ha naso 😦 !

    Mi piace

    • Maurizio Sgroi

      salve,
      l’Italia paga tanti interessi perché il suo debito è prezzato peggio di quello francese, malgrado sia in avanzo primario da diverso tempo. il merito di credito di un paese non è cosa facile da gestire, né da orientare.
      grazie per il commento

      Mi piace

  2. firmato Winston diaz

    Altro che crescita zero… il PIL pro capite, che e’ quello che conta, e’ diminuito del 6.5 per cento dal 2001 al 2014:

    http://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2014/06/14/csp-pil-procapite-italia-2001-13-65_60408db0-407e-4c72-b53e-08f4ade96ca8.html

    La popolazione residente, nello stesso periodo, e’ aumentata da 57 milioni a quasi 61 (+7 per cento).
    http://www.tuttitalia.it/statistiche/popolazione-andamento-demografico/

    Il PIL complessivo cumulato e’ aumentato del solo +0.4 per cento:
    http://scenarieconomici.it/i-dati-del-pil-tra-2001-e-2014-di-tutte-le-regioni-italiane/

    Quindi l’aumento di popolazione non aumenta necessariamente il PIL, nel nostro caso al massimo l’ha mentenuto costante, ma al prezzo di suddividere la torta in piu’ fette…

    In ogni caso continuare a pensare che in un mondo di gia’ 7 miliardi di individui si possa ulteriormente rincorrere l’economicistico aumento del PIL scommettendo ancora su un aumento della biomassa umana, che gia’ oggi costituisce, assieme agli animali da allevamento, la quasi totalita’ della biomassa animale vertebrata terrestre, e’ azzardato.
    http://www.vaclavsmil.com/wp-content/uploads/PDR37-4.Smil_.pgs613-636.pdf

    Se questi dati sono corretti, danno da pensare:
    http://www.greenreport.it/news/consumi/quanto-pesano-luomo-e-gli-altri-esseri-sulla-terra/

    Mi piace

    • Maurizio Sgroi

      salve,
      comprendo il suo punto di vista. mi consenta però un’osservazione, parlare di noi esseri umani come una semplice biomassa assimilabile a quella delle mucche mi suona molto più economicistico del pil di cui lei discorre ed evoca in me memoria malthusiane. e in questa indifferenziata classificazione che scorgo il germe del nostro regresso sociale, che è spirituale prima che materiale, e che le statistiche fotografano in manca di altri indicatori. per il resto concordo con lei sul fatto che la crescita basata sul pil sia una utopia perniciosa, come tutto ciò che meccanicamente tenta di dare risposte semplici a domande complesse. ma come lei saprà, la storia stessa del pil è curiosa. non siamo arrivati dove siamo per caso.
      grazie per il commento e per i link

      Mi piace

      • firmato winston diaz

        Usi il termine che vuole al posto di biomassa, ma uomini piu’ loro animali di allevamento: 97 per cento dei vertebrati terrestri (in peso)… e dovremmo ancora, come piu’ o meno esplicitamente martellano gli economisti, perseguire attivamente l’aumento della popolazione per soddisfare le esigenze del dio PIL e del debito e delle pensioni e del welfare, continuando a raddoppiare la posta nello schema di Ponzi dell’economia globale? Piu’ considerazione in termini di biomassa del genere umano di cosi’ si muore, altro che neomalthusianesimo.
        Tenga conto che personalmente sono molto critico nei confronti dei decrescisti, che considero perlopiu’ troppo affezionati alla loro unica ipotesi (altrimenti non leggerei il suo bel blog) , ma se quei dati sono corretti devo ammettere che mi colpiscono, e volevo portarli alla considerazione in rapporto al paradigma economicistico “buon andamento dell’economia” / “popolazione in crescita”, senza alcun intento polemico e tantomeno di sfida di ipotesi sottostanti che peraltro non conosco.

        Mi piace

      • Maurizio Sgroi

        salve,
        nessuna polemica ho intravisto nel suo intervento (e nessun intento polemico nella mia risposta, glielo assicuro), ma una giusta riflessione su cosa siamo e dove vogliamo arrivare. come lei diffido dei paradigmi, costantemente falsificabile, come diceva popper. e come lei mi pongo costantemente domande, visto che anch’io non ne so abbastanza per dare risposte (o forse mi manca il requisito fondamentale dei rispostiti: la sicumera).
        quindi le rinnovo i miei ringraziamenti per il contributo di riflessione. e anche per l’attenzione, ovviamente
        saluti

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...