Se la disoccupazione diventa “volontaria”


Mi trovo a sfogliare noiose statistiche inglesi, quando l’occhio mi cade su un grafico che racconta del miracolo economico vissuto in quel mercato del lavoro.

Ve lo racconto perché mi ha fatto riflettere su una curiosa evoluzione che pare si stia sviluppando sottotraccia nel nostro dibattere economico, e che, a quanto pare, delinea la più elementare (ed esemplare) soluzione al grave problema della disoccupazione europea, e italiana in particolare.

Mi spiego. Il grafico delinea l’andamento dei mercato del lavoro inglese dal 2008, suddiviso nelle sue varie componenti, ossia lavoratori a tempo pieno, parti time e self-employed, ossia persone che si sono messe in proprio.

Fatto 100 l’indice dell’impiego nel 2008, osservo che ai giorni nostri la curva è arrivata un po’ sotto 105, quindi semplificando potremmo dire che l’occupazione nel settennio considerato è crescita intorno al 5%, che di questi tempi è un risultato straordinario, solo che si pensi ai nostri tassi di disoccupazione.

Se guardiamo la curva dei lavori full time, osserviamo però che che fino alle metà del 2014 è scesa sotto 100, e soltanto dalla seconda metà in poi è risalita, posizionandosi pochi punti sopra.

La curva dei lavori part time ci racconta ancora un’altra storia. Dopo essere rimasta intorno a 100 per un anno, ha iniziato a salire, anche se con un andamento poco brillante, per arrivare nel 2015 poco sopra la media generale, poco più del 5%.

La crescita più esaltante la osservo guardando la curva dei self-employed, che rimane sotto 100 fino alla metà del 2009 e poi inizia a crescere senza sosta, arrivando a sfiorare 120 nella seconda metà del 2014 e scendendo poco sotto ai primi di quest’anno.

Ne deduco che gran parte della crescita dell’occupazione nel mercato inglese dipende da loro: quelli che si sono messi in proprio. E non è strano che sia così: una volta che un lavoratore si mette in proprio e si cancella dalla lista dei disoccupati, automaticamente la sua posizione non viene più conteggiata nelle statistiche della disoccupazione.

Ma se è così’, mi dico fra il serio e il faceto, è assai facile debellare la disoccupazione: basta convincere i lavoratori a mettersi in proprio e a cancellarsi dalle liste di disoccupazione.

Ed eccolo qui il pensiero che si fa strada: la disoccupazione, gratta gratta, è un fenomeno volontario. Quindi se il lavoratore rimane disoccupato è perché lui lo vuole e non si dà da fare aprendo una qualsiasi attività.

Questo argomento difficilmente verrà sostenuto da qualcuno con chiarezza, viste le implicazioni sociali che porta con sé. Però è bene imparare a riconoscerlo fra le righe.

Questa curiosa evoluzione statistica, tuttavia, porta con sé una conseguenza che gli economisti chiamano “puzzle della produttività”.

Un altro grafico, infatti, ci mostra l’andamento del Pil inglese, cresciuto del 4% dal 2008, e lo confronta con la produttività pro capite che, fatto 100 l’indice del 2008, viaggia da allora sotto quel livello.

Mi sorge allora un altro pensiero: uno può pure autoimpiegarsi e così far scendere la disoccupazione. Ma ciò non vuol dire che riesca a produrre e vendere qualcosa che sia statisticamente significativo.

La statistica è una cosa. La realtà un’altra.

Faremmo bene a tenerlo a mente.

Annunci

  1. Jean-Charles

    In US la disoccupazione di più di 27 settimane è aumentata con minimi che son passati da circa 3% nel 1950 a circa 25% attualmente e massimi dal 20% a più di 40%.

    Meglio parlare di chi ha perso l’attività remunerativa e cerca attivamente mese per mese anziché chi senza speranza di trovare non cerca più.

    Di questo passo sempre meno lavoro remunerativo per l’insieme della popolazione. Fino dove?

    https://research.stlouisfed.org/fred2/series/LNS13025703

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...