Cronicario: Primato italiano nella Slow Economy


Proverbio dell’11 maggio Una piccola falla fa affondare una grande nave

Numero del giorno: 950.000 Aumento produzione petrolio Usa in barili nel 2017

Sono sicuro che avrete letto nel cronicario globale il cervellone di turno dire, commentando le previsioni di primavera della Commissione Ue, che l’economia italiana è quella che cresce più lentamente, che andiamo troppo piano, che così non si può andare avanti e tutto il solito piagnisteo a corredo di questi numeri:

Ora il problema del cronicario globale è che, a differenza del vostro Cronicario qui presente, non ha capito che noi siamo gli ultimi perché siamo i primi: basta cambiare punto di vista.

Esatto: noi siamo in cima alle economie che gareggiano per la Slow economy. Abbiamo pure profeti in patria.

Perciò stiamo rinascendo con saggezza e ci stiamo riuscendo talmente bene che diventeremo strasaggi una volta che saremo tutti disoccupati. Perciò gli altri paesi europei rosicassero quanto gli pare con la loro crescita del 2, del 3 e alcuni persino del 4%. Loro sono dei tristi fautori della fast economy. Sono il passato, noi il futuro.

Purtroppo però il passato ancora incombe. E non soltanto nei cervelli bacati di quegli economisti nati nel XIX secolo che ancora pensano alla crescita, ma anche in certe istituzioni internazionali che addirittura festeggiano il calo della disoccupazione.

O persino nella signora europea per eccellenza, ossia la Bce, che oggi ha finalmente rilasciato il suo bollettino mensile dopo aver lanciato estratti terroristi nei giorni scorsi. E siccome è sadica come poche, ha completato l’opera pubblicando un approfondimento su Target 2, una roba che ha fatto scervellare più persone del cubismo, ben sapendo che tanto non ci capisce un fico secco nessuno (o quasi).

E siccome mi sento slow anch’io, stacco e neanche ve lo spiego.

A domani.

Dal 2012 The Walking Debt ha regalato oltre 1.000 articoli e diversi libri a tutti coloro che hanno avuto la cortesia di seguirci. Adesso stiamo lavorando al progetto Crusoe e vi chiediamo di continuare a seguirci partecipando alla sua crescita e al suo sviluppo. Sostenere Crusoe significa sostenere l’idea di informazione basata sul rapporto con le persone e senza pubblicità. Per sostenerci basta molto poco, e si può fare tanto. Tutte le informazioni le trovi qui.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...