Cronicario: Il bottocoin di Bitcoin


Proverbio del 16 gennaio Meglio non tagliare ciò che può legare

Numero del giorno: 27,9 Incremento % export italiano in Russia nel 2017

A un certo punto, un paio di mesi fa, una mia parente lontana mi scrive un messaggio tipo: “Ma che ne pensi di Ethereum, vale la pena investirci?”. Rimango esterrefatto perché ignoravo che costei conoscesse la differenza fra un’azione e un’obbligazione. E invece non solo conosce le criptovalute, ma persino quelle più esotiche, oltre al solito Bitcoin che in questi mesi sta regalando gioie da montagne russe ai suoi affezionati.

Memore dell’adagio che il rischio va a braccetto col rendimento, suggerisco alla mia congiunta di provare il casinò, che è di sicuro più divertente che guardare grafici o decrittare il pensiero astruso dei profeti delle monete esoteriche che fanno guadagni molto essoterici. Dopodiché me ne dimentico.

Qualche tempo dopo, per le feste di Natale, mi chiama un amico da Chicago, dove la borsa ha autorizzato il trading di strumenti finanziari con Bitcoin come sottostante. Mi dice che ha comprato non so cosa e ha guadagnano mille dollari comprando e vendendo lo stesso giorno. Mi congratulo. Gli dico di regalarsi una bella cena fuori e magari qualcos’altro. Mi risponde che no, ha subito reinvestito e che adesso ne perde 1.200. Gli ricordo che al casinò è buona pratica uscire dopo aver vinto, perché sennò si perde. Ne conviene, ma sta ancora lì.

L’altra sera poi, la minaccia Bitcoin mi si è materializzata direttamente in casa. La mia dolce metà mi ha domandato a bruciapelo se non dovessimo investire due spicci sulle criptovalute. Capisco che la seduzione dei soldi facili non ha tempo e si aggiorna con la tecnologia che, diabolicamente, li fa credere ancora più facili. Bitcoin ha fatto un boom e finirà col fare il botto, come sempre accade, una volta che i sedotti si trasformeranno in abbandonati. La cosa curiosa è che il botto parta da Oriente, dove si annida gran parte degli utilizzatori finali. Il primo schiaffone è arrivato dalla Cina qualche settimana fa. Più di recente ci ha pensato la Corea del Sud e oggi di nuovo la Cina che promette nuovi inasprimenti. Non so se gli orientali disprezzino i soldi facili, o più semplicemente ambiscano al loro controllo. Nel dubbio mi torna in mente Balzac, che odiava le lotterie perché le giudicava infidi strumenti del governo per sfruttare le disperazione dei poveri. Probabilmente avrebbe odiato Bitcoin.

A domani.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...