Cronicario: I (debiti) cinesi a cinque stelle, noialtri nelle stalle


Proverbio del 20 dicembre Il vuoto da la strada al pieno

Numero del giorno: 80 Percentuale di europei che usa lo smartphone per andare su Internet

Se fossi cinese non avrei dubbi: manderei una mail al figlio del cielo, il primo ministro Li, che proprio in questi giorni ha inaugurato una nuova consuetudine: aprirsi all’ascolto dell’universo mondo, purché parli mandarino e abiti in Cina, per redigere con democratica coscienza il work report del 2017.

scrivi-a-li

In questo rigurgito di democrazia diretta, che fa della Cina un papabile candidato all’universo a Cinque Stelle che noi italiani abbiamo avuto il genio di inaugurare, se fossi un cittadino cinese profitterei della benevolenza del primo di tutti loro per chiedere una spiegazione di questo grafico mirabolante che ho trovato sul WSJ.

debiti-cinesi

Ve la faccio semplice: l’85% del debito corporate cinese, una montagna che galleggia intorno al 150% del pil è stato emesso da imprese che hanno alle spalle governi locali o statali. In pratica sono aziende pubbliche. I privati veri sono appena il 10%, che se ci pensate è un piccolo record. Bene: quasi il 66% di questi debiti sono in pancia alle banche ombra, entità a loro volta a forte ingerenza statale, il 24% di questi bond li hanno comprato le banche (statali) e l’8,8% altre entità governative. Appena l’1,1% di questi debiti è fuori dal perimetro del governo che quindi è in pratica il perfetto creditore di se stesso. La situazione ideale. Il moto perpetuo del debito.

motoperpetuo

Capisco perché la Cina sia diventata un esempio per tutti noi. L’autentico faro che illumina il sol dell’avvenire. E capisco pure che non possiamo neanche spiegare la circostanza col fatto che sono comunisti. Che dovremmo dire allora degli Usa, che garantiscono più del 60% dei debiti del sistema privato con il governo?

commnist

Appunto. Quindi evviva la Cina, a cinque stelle come i suoi debiti. E speriamo che duri perché ci siamo già passati l’anno scorso dai tormenti cinesi e pure all’inizio di questo. E per il prossimo, se il dollaro continuerà a salire non è che le prospettive siano migliori. Poi il fatto che i governi commettono infiniti disastri quando si occupano dell’economia non interessa a nessuno. Anzi: c’è un problema: chiamate il governo.

Da noi per dire. Ieri sera, dopo un’ampio endorsement da parte di quelli che contano (i soldi), il governo ieri sera ha preso 20 miliardi che non ha e li ha messi sul piatto per salvare il sistema bancario più solido del mondo (cit.) quello con le banche che non hanno problemi (ricit.) perché non parlano inglese (aricit.).

acazari

Le nostre stelle bancarie, a cominciare da Mps che splendeva nel firmamento da alcuni secoli, sono finite nelle stalle dove di solito abitano i risparmiatori e i contribuenti. Ossia noi. Bentrovati.

Dall’Europa arriva una notizia che basta appena a consolarmi. La prima è che il saldo del conto corrente della bilancia dei pagamenti Ue continua a crescere, per lo più grazie ai servizi. L’attivo dell’EZ, in particolare, riferito sempre al mese di ottobre 2016, sta intorno ai 30 miliardi.

contocorretne

Che significa? In pratica che come area prendiamo dall’estero più soldi di quanti gliene diamo per i vari scambi. Insomma: siamo sempre più ricchi, mettiamo da parte, e intanto ci lamentiamo. Il vecchio trucco per star bene, evidentemente.

Dall’altra parte del mondo, dal Giappone, arriva la notizia che la BoJ non muove paglia, per il momento, perché l’economia va meglio secondo il noto ottimista Kuroda, incidentalmente governatore della banca, che però ammette che l’inflazione è ancora freddina. Al contrario in Germania si intravede un pochino di inflazione sui prezzi di produzione, per la prima volta dal 2013.

Ma per finire serve una perla, e ne ho trovate un paio magnifiche, fra le tante gioie preziose che ci offre Bankitalia, nell’audizione di Salvatore Rossi, DG della banca, in Parlamento. Ecco la prima: “L’informativa alla clientela deve essere snella e scritta con linguaggio comprensibile”. Dal che deduco che Rossi non abbiamo mai comprato un’obbligazione o aderito a una collocazione di titoli in borsa, figuratevi convertire un subordinato. E poi l’altra: “Un eccesso di documentazione trasforma la trasparenza in beffa”.

meraviglioso

Dal che capisco qual è il vero segreto che i banchieri si tengono stretti solo per loro: non fidarsi mai delle banche e mettere i soldi sotto la mattonella. Meditate gente.

A domani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...