Cronicario: I lavoratori poveri del Lussomburgo


Proverbio del 16 marzo Dove parla l’oro, tutto tace

Numero del giorno: 70.000.000.000 Costo cancellazione legge Fornero secondo la Uil

Stavo arrotando l’urlo di dolore quando ho saputo che Eurostat stava per rilasciare i dati sull’aumento notevolissimo dei lavoratori in povertà. Mi ricordavo infatti che noi italiani abbiamo assicurato una performance niente male, di sicuro aiutati dall’andamento soddisfacente del nostro costo del lavoro, che anche oggi ci regala ampie soddisfazioni.

Lo so che è scritto piccolo, ma fidatevi: nel quarto trimestre 2017 è sceso dello 0,2%, contribuendo sicuramente ad alimentare la nostra spettacolare crescita dei redditi.

Dicevo, mi stavo preparando ad arrotare l’urlo di dolore, pronto a squadernare la difficile condizione di componente di una famiglia monoreddito con prole che bordeggia con gioia lo scoperto di conto corrente, quando improvvisamente Eurostat ha pubblicato questo grafico:

Ora non è tanto avere la conferma che in Italia più di uno su dieci che lavora sta in povertà che mi manda in confusione: lo sospettavo. Quanto scoprire che i lavoratori in povertà sono più numerosi in Lussemburgo che da noi: addirittura il 12%. Peggio stanno solo in Spagna, Grecia e Romania. Il Lussemburgo, capite?

Dovrebbe chiamarsi Lussomburgo, altroché. Non ci credete. Vabbé: vi do una dritta. Sapete quant’è il salario minimo lassù?

Ripetete con me: millenovecentoventitré euri al mese. Chiudete gli occhi e adesso visualizzate il reddito medio italiano (il salario minimo manco esiste da noi perché siamo pudibondi).

I dati sono vecchiotti, ma non state a preoccuparvi, la situazione non sarà cambiata granché, anzi forse è peggiorata. In sostanza il nostro salario medio somiglia alla paga minima dei poveri lavoratori del Lussemburgo. Eh, direte, ma chissà quanto costa la vita laggiù. Ve lo dico io.

Un 20% scarso in più (dati 2017) a fronte di uno stipendio medio che è quasi il doppio. Pensa che vitaccia che fanno i lavoratori poveri in Lussomburgo.

Beati loro.

A lunedì.

 

 

Annunci

Un Commento

  1. Gior

    Presumo che in Lussemburgo il potere d’acquisto dei salari dei lavoratori rispetto ai bisogni primari sia basso, cosa di cui nessuno anche da noi analizza.

    Lo stesso fenomeno lussemburghese e’ ampiamente sviluppato negli USA. Uno si chiede; come mai con un PIL che sale del 2-4%, miliardari e classe medio alta che si ingozzano e una disoccupazione scesa al 6%, 20 miilioni di famiglie cioe’ 50-60 milioni di persone riceve buoni pasto? Per vari motivi. Il fatto che e’ lavoratore chi lavora anche solo 1 ora a settimana, che c’e’ molto indebitamento, che il tasso dl’inflazione e’ scollegato dalle condizioni di vita di chi non e’ ricco. Ti avevo gia’ linkato questo post. E’ inevitabile che tante famiglie di lavoratori soffrano in presenza di stagnazione salariale. L’inflazione di beni e servizi essenziali e’ superiore a quella ufficiale http://www.mybudget360.com/you-have-been-lied-to-about-inflation-and-here-is-the-proof-2000-to-2018/

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.