Cronicario: E il naufragar m’è dolce in questo mare (di Btp)


Proverbio del 29 maggio Se vuoi arrivare primo, corri da solo. Se vuoi camminare lontano, cammina insieme 

Numero del giorno: 113,7 Indice fiducia consumatori Istat a maggio, in calo da 116,9

A un certo punto il Bot semestrale, che fino a un mese fa si comprava a tassi negativi, viene venduto in asta all’1,2% di rendimento. Centosessanta punti base in più in trenta giorni. Poco prima avevo visto il rendimento del biennale superare quello del decennale, a manifestare la convinzione degli investitori che il breve termine sia più rischioso del lungo. E in effetti là fuori fischia il vento e soffia la bufera, con toni tonitruanti che nemmeno nel ’48. Altrove, nel luogo senza tempo di un salone pieno di stucchi e arazzi a via Nazionale, mentre legioni di risparmiatori sperimentano il panico, il governatore di Bankitalia recita compassato le sue tradizionali considerazioni finali, titolo che suona particolarmente sinistro in questa mattina di tregenda.

in questa scena da fine del mondo la voce di Visco suona insieme rassicurante e grottesca quando dice che

senza dimenticare di ricordare che

La borsa di Milano intanto arriva a cedere il 3%, avendo già azzerato ieri i guadagni da gennaio. Mi consola poco ascoltare il nostro impavido governatore che ricorda come “preservare la fiducia di famiglie, imprese e investitori è condizione necessaria per il proseguimento della crescita dell’economia. È cruciale che le condizioni sui mercati finanziari si mantengano favorevoli”.

Arrivando persino, il buonuomo (Visco) a sottolineare che “la crisi ha accentuato il disagio sociale”. E mica solo quello sociale.

La diretta dal sito di Bankitalia mi regala panoramiche meravigliose sull’uditorio, in grisaglia blu finanziario, facce tirate e teste bianche. Un ex governatore una volta famoso in prima fila, bello abbronzato, discute serioso con un altro ex pezzo grosso dell’istituto che fu anche premier. Roba da far scatenare i twittatori molesti di questi giorni da guerra civile, se vedessero questi presunti poteri forti far la cerimonia nel giorno peggiore dei nostri Btp da più di un lustro. E vorrei dire a questi bravehearth da tastiera: comprateveli voi i nostri Btp, se avete coraggio. Visco alza il tono di voce dicendo a labbra serrate che “non sono le regole europee il nostro vincolo ma la logica economica”, ma il monito del governatore mi suona remoto. I misteriosi meccanismi della mente lo hanno sostituito con le parole del Poeta che emergono dall’abisso delle mie memorie da liceale.

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,
E questa siepe, che da tanta parte
Dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.

Alla fine del canto, dimenticato Visco, lo spread e gli italieni, scopro anch’io quanto sia dolce naufragare in questo mare. Solo che il mio è pieno di Btp.

A domani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.