Cronicario: Non c’entra un Gacs con la Brexit, ma vabbé


Proverbio del 19 marzo Dove parla l’oro tutto tace

Numero del giorno: 2,5 Crescita % export a gennaio 2019 su dicembre

Poiché il genio si riconosce dal sapere trasformare le avversità in opportunità, ecco che nessuno dovrebbe dubitare del genio dei nostri governanti che sono riusci a infilare la proroga delle Gacs, ormai in scadenza, nel decreto Brexit. Casualmente le due avvengono a fine mese perciò…

Sicché adesso sappiamo che la garanzia di stato sulle cartolarizzazione delle sofferenze bancarie ha pari dignità con le norme che il governo si sta affrettando a varare per evitare che gli intermediari britannici, nel caso il 29 l’UK sia indecisa fra esserci o non esserci, perdano l’accesso ai mercati finanziari europei, che sarebbe un bel pasticcio. E mica l’unico. Le massime autorità – il consiglio dell’Ue per dire – si sono addirittura preoccupate di garantire che l’Erasmus+ non subirà traumi a causa della Brexit.

Soprattutto il nostro avvocato del popolo, dopo aver detto che se proroga deve’esser, che sia breve, ha aggiunto che gli italiani saranno tutelati. Come le banche. Le banche italiane, ovviamente.

A domani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.