Cronicario: La paura fa 20, 30 e 52, ma poi passa


Proverbio del 21 dicembre Parole sdolcinate, delizia degli sciocchi

Numero del giorno: +0,7 Crescita prevista in Spagna nel IV Q 2016

Che giornate, perbacco. Un natale così non si vedeva dai tempi di Gesù di Nazareth, con i governati, i giornalisti e tutta la compagnia cantante a dare letteralmente i numeri seguendo la coda della cometa. Che sarà di Mps? Che sarà di Canale 5? Che sarà del comune di Roma e dell’Unione europea? E poi perché la Banca d’Inghilterra da tre giorni posta racconti dell’orrore sulle crisi inglesi del XIX secolo? Facile: il regalo di quest’anno per noi tutti è economico e popolare

la-paura

Che se ci pensate a Natale, apoteosi del sovrannaturale, ci sta tutta.

E allora cominciamo col primo spauracchio: il Monte dei Laschi (rectius, Paschi) di Siena. Poco fa il Parlamento ha approvato la norma che consente di accollarci sul groppone 20 miliardi di nuovi debiti per sostenere le banche. Attenzione al plurale. Mps è solo la prima, il 2017 ci porterà il resto. A breve scopriremo se il piano per convincere il mercato a mettere altri soldi nella cassaforte bucata di Mps, che ha avuto anche la gentilezza di farci sapere che ha liquidità solo per quattro mesi, ma in ogni caso il governo sta lì pronto col salvagente. Ma voi che leggete il Cronicario lo sapevate già

eiopago

Intanto che aspettiamo di sapere quanto ci costeranno le manie di grandezza di Mps e le abbronzature dicembrine dei suoi manager, limitiamoci allo spavento. Il refrain che tutti i politici hanno recitato oggi era una roba tipo: se non salviamo Mps finisce il mondo. La paura inzucchera qualunque medicina. E dovremmo ingollarne parecchi di spaventi a quanto pare. Almeno secondo Bloomberg, che ha postato questa munifica previsione.

costo-banche

Per ripulire i bilanci bancari nostrani delle scorie tossiche che hanno cumulato servirebbero non 20, ma 52 miliardi. Fischia. Da lì ad arrivare a 90, come lo spavento della smorfia il passo è brevissimo.

Senoché gli spauracchi non finiscono qui. Un altro numero, stavolta il 30, si rivela esser la spia d’un improvviso attacco di panico che ha coinvolto il nostro meglio generone: la paura dei francesi di Vivendi.

Il nuovo De Bello Gallico lo combattono i barbari nel suolo patrio e nientemeno che attentando al patrimonio dell’immaginario nazionale con l’arrembaggio a Mediaset. Chi non è cresciuto guardando Drive In non può capire l’angoscia che ha colto la generazione al potere. Ma perché 30, vi chiederete. Facile: 30 è la soglia di azioni che Vivendi deve raggiungere per far partire l’Opa sulla società dei Berluscones. Se qualcuno pensa che i francesi siano spiantati come quel tale che nell’estate dei furbetti voleva scalare il Corriere, guardate questo

vivendi-cash

Sono gonfi di miliardi, i francesi. E soprattutto sono pieni di idee. Notate che fra le acquisizioni di quest’anno ci sono anche un paio di giganti dei videogiochi come Gameloft e Ubisoft. Il che dovrebbe far capire anche ai distratti cosa ha in mente Vivendi, peraltro grande azionista della nostra Telecom: la tv che fa tutto, anche le pizzette. I Berluscones che idea hanno? Boh.

Stanco di spaventarmi, lascio le vicende di casa nostra ed emigro oltre oceano. E che ti trovo? Bloomberg, sempre per la serie timori e tremori, ci svela che il 2016 è stato un anno nero per gli hedge fund, i grandi distruttori, le locuste della finanza, come ebbero a definirli, che hanno subito deflussi da 80 miliardi che per un’industria che ne vale tremila non è poco ma neanche tanto.

hedgefund

Ma la notizia più divertente l’ho trovata qua. Leggere che Goldman Sach ipotizza che la Fed possa offuscare gli orizzonti di gloria di Mister T metterebbe di buon umore persino un sottoscrittore di bond subordinati. Ve l’immaginate Mister muscolo che si flette sotto l’autorità della Yellen?

ridere

Ma allora perché mai quei cervelloni di GS se ne escono con una facezia del genere? Si chiama portarsi avanti col lavoro. Bye bye Janet.

yellen

Ma il modo migliore per farsi passare la paura del Natale è leggere questo articolo del WSJ, che rivela come i giovani americani che vivono in famiglia siano ormai arrivati al 40%, la percentuale più elevata degli ultimi 75 anni. Ora, non è che non li capisca i poveri Millenial, schiacciati dai debiti e dai soldi che hanno fatto i loro padri, solo che vorrei dire loro che anche in questo (noi stiamo quasi al 65% ma vabbé) come in altro

berlutrump

noi italiani siamo stati antesignani e anticipatori. Quindi tranquilli. Adesso che avete scoperto quanto è bello vivere con mamma e papà, vi manca solo di scoprire le virtù del debito pubblico, del posto sicuro e, dulcis in fundo, della pensione. E vedrete come passa la paura.

A domani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...