Le metamorfosi dell’economia: La fine dell’Egonomia


Come sia accaduto che l’economia, che è arte dell’amministrazione di risorse scarse, sia divenuta (pseudo)scienza della massimizzazione dell’utilità personale in un tripudio di egoismo materialistico è questione misteriosa che appassionerà di sicuro gli storici del pensiero e dello spirito, ma che qui poco rileva. Ciò che qui importa è partire da dove siamo – ovvero un’economia divenuta egonomia – per capire dove potremmo andare se davvero volessimo cambiare.

Prima di andare oltre, perciò, prendiamoci un momento e rimettiamo insieme le fila del discorso che abbiamo tessuto finora. Proviamo a tratteggiare i lineamenti del nuovo paradigma che si potrebbe mettere alla base del nostro vivere sociale e in armonia col quale riformulare i concetti economici che ordinano la nostra esistenza.

Se l’unica risorsa scarsa che abbiamo è il tempo, in quanto mortali, è evidente che la vita che ci rimane da vivere è insieme la costituente del nostro capitale e di conseguenza la moneta con la quale siamo chiamati a transare le nostre relazioni economiche con gli altri. Tutto ciò origina la nostra metamorfosi da economia intesa come gestione di beni (ormai non più) scarsi a economia intesa come gestione del tempo. Per parafrasare un vecchio scritto di Keynes, l’economista dovrebbe smetterla di occuparsi di come produrre il più possibile – per quello sono sufficienti dei bravi periti aziendali – e iniziare a riflettere su come impiegare meglio il tempo per quello che autenticamente ci riguarda, ossia il nostro benessere.

L’economia del tempo come vedremo, è profondamente diversa da quella dei beni. Tanto la seconda collega l’utilità alla quantità di beni di cui riesco a conquistare la proprietà, tanto la prima punta l’attenzione sulla qualità del tempo che mi resta da vivere, e quindi privilegia il possesso dei beni alla loro proprietà. E prima che mi tacciate di fantasie new age, preciso subito che la qualità della vita dipende anche dalla quantità di beni materiali di cui possiamo disporre, mentre la quantità di beni di cui possiamo disporre non è detto ci assicuri una buona qualità della vita. Molto dipende anche da come mi procuro questi beni.

In questa apparente contraddizione risiede il mistero della nostra soggettività, che si articola in una dimensione relazionale che l’economia dei beni – fortemente soggettivista – tende a sovraccaricare fino a trasformare il pensare economico in un’ossessione egonomica, dove il soggetto viene trasformato nell’onniproprietario, accumulatore compulsivo e cieco, impoverendone così la sostanza umana. Il famoso e malconosciuto uomo economico, ossia soggetto razionale massimizzatore dell’utilità. Un egonomista.

L’egonomista è costantemente ossessionato dalla ricchezza e dall’accumulazione e vive in costante guerra con qualcuno, schiavo di una logica acquisitiva che funziona come un gioco a somma zero. E’ un essere a-sociale, se non addirittura anti-sociale, avendo smarrito la connessione con gli altri che invece anima qualunque attività autenticamente economica, come gli antichi sapevano bene.

Non a caso la relazione principe che l’economia dei beni ha instaurato è quella fra debitori e creditori, ossia un rapporto regolato dai contratti e garantito dalla forza dello stato. Un rapporto antico quanto l’uomo, quello fra debitore e creditore, ma che la storia ha profondamente modificato rendendo il debito un bene come gli altri, da vendere e comprare, totalmente distaccato dalle persone che ci stanno dietro. Oggi i debiti si cartolarizzano.

Così anche la relazione fra debitore e creditore, notevolmente ricca di significato, nel tempo, ha finito con l’erodersi divenendo una povera rappresentazione di quello che doveva e poteva essere, ossia uno scambio di tempo presente con tempo futuro, il che presuppone fiducia dell’uno verso l’altro che sola sostanzia qualunque tipo di ricchezza economica. Di conseguenza anche il denaro, che nomina il debito, è diventato una merce come le altre. Un bene che si compra e si vende e dal quale bisogna sempre estrarre la massima utilità.

Diversamente soggettivista, l’economia del tempo non si basa sull’accumulazione, che in fondo è il travestimento del desiderio di immortalità che l’uomo cova quale antidoto contro la paura della morte, ma si basa su un ordinato decumulo, che vuol dire accettazione della fine del tempo, e quindi della morte. Nell’economia del tempo non ha senso cumulare capitali mentre ha senso impiegarli per fare qualcosa per e con gli altri. Perché nella redistribuzione del capitale – che è tempo futuro attualizzato – non si esprime altro che la nostra capacità di entrare in relazione con altri. L’avaro che tesoreggia, non a caso, viene sempre raffigurato come un solitario nei racconti dei poeti.

Diversamente soggettivista, l’economia del tempo individua come fonte di arricchimento socio-economico il tempo utilmente condiviso con altri, essendo l’altro, infine, il naturale compimento della nostra individualità. Ogni relazione economica infatti non è altro che una relazione. L’economia del tempo, perciò, giudica il lavoro come diritto dell’individuo a una sua compiuta espressione personale, ma nella relazione: lavorare significa fare qualcosa di utile per qualcun altro. A fronte del diritto individuale al lavoro, per conseguenza, esiste il dovere sociale di lavorare, così come a fronte di un retribuzione dignitosa, esiste il dovere di erogare una prestazione opportuna.

In questo riportare l’egonomia verso l’economia – che Aristotele definiva cura e custodia della casa, ossia del luogo dove viviamo, e quindi per estensione il mondo – dobbiamo tenere conto necessariamente delle strutture istituzionali che la storia ha edificato e dell’eredità culturale che siamo chiamati a gestire. Non si tratta di fare rivoluzioni, ma di perseguire un’evoluzione.

Questa evoluzione immagina uno stato che smetta di imboccare scorciatoie e inizi a fare quello che ci aspetti faccia uno stato evoluto: proteggere i cittadini e far pagare loro le tasse, studiando i modi più intelligenti per favorirne il benessere, evitando però di pensare di doverlo procurare. Il disastro delle contabilità pubbliche è lastricato di buone intenzioni e da molta cattiva coscienza.

Questa evoluzione immagina poi un settore privato che smetta di credere di esser lo stato, paghi le tasse e produca al meglio delle sue possibilità beni e servizi per averne profitto, che in fondo è quello che la storia gli ha detto di fare. E soprattutto occorre che smetta di credere di essere il luogo d’elezione dell’economia. Non tutto è né può essere mercato, visto che il peso dei mercati nell’economia del nostro tempo è relativamente basso.

Queste evoluzione, perciò, immagina l’affermarsi di un consorzio di persone libere capace di ergersi fra i due Moloch – lo stato e il mercato – che finora hanno tenuto in ceppi i cittadini utilizzando in modo dispotico lo strumento del denaro come surrogato dell’economia. Non più vaso di coccio fra i due vasi di ferro, questo consorzio, ma collante osmotico capace di servire entrambi senza esserne schiavo.

Dire che il mercato è importante ma non è l’unica cosa importante nell’economia di una società, vuol dire pure, riferendosi al lavoro, che aveva ragione Polanyi, quando diceva che il lavoro non dovrebbe essere un mercato. Ma poiché un mercato del lavoro esiste, questa evoluzione immagina che il lavoro possa anche essere oggetto di meccanismi di mercato, ma altresì che non debba essere il mercato l’unico luogo unico in cui fiorisce il lavoro. Il lavoro abita nelle persone per servire le persone, non nel mercato. Nel mercato si vende, se uno lo desidera. Ma nessuno deve essere costretto a vendere il proprio lavoro semplicemente per vivere. Spezzare le catene del lavoro cosiddetto subordinato è un dovere per chiunque abbia a cuore la libertà dell’individuo.

Ma soprattutto questa evoluzione immagina ognuno di noi finalmente libero dall’egonomia, rappresentazione economicistica dell’ossessione narcisistica di sé. Occorre tornare a occuparsi della propria casa – che è una casa comune – ma anche di chi ci abita. Quindi pensare a sé, ma sempre in rapporto con gli altri. Imparare di nuovo a custodire e condividere. Finirla con l’egonomia.

Tornare a fare economia.

(15/segue)

Capitolo precedente   Capitolo successivo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...