Cronicario: Il gong del 2% manda all’angolo Francoforte


Proverbio del 2 marzo Chi vuole fare trova il modo, chi non vuole trova una scusa

Numero del giorno: 18,2 % italiani che fanno almeno 2,5 ore a settimana di sport

E’ come se, nel mezzo di un bel match di pugilato, il colpo del knock out arrivasse dal pubblico. Da una parte il nostro beneamato Mago di EZ, coi suoi guantoni imbottiti di euri, dall’altra i prezzi, indomitamente bassi, che rimangono a terra senza convincersi a rialzarsi. Fino a che, un bel giorno di fine novembre, alcuni del pubblico – quelli dell’Opec, sapete – si stufano: si mettono d’accordo e lanciano una lattina di petrolio sui prezzi che ha l’effetto di un afrodisiaco. I prezzi si rialzano e cominciano a menare forte. Tre mesi dopo che ci dice Eurostat? Che l’inflazione annuale di febbraio è arrivata al 2%.

gong2

Il rumore da fine round arriva bello forte nelle orecchie dei pugili, che finiscono subito all’angolo. Serve un conciliabolo con l’allenatore. Quelli della Bce cominciano a ragionare. Magari facciamo un esercizietto per vedere cosa succede alle banche se alziamo i tassi. Anche perché neanche 24 ore fa è arrivato il dato della Germania  e oggi è arrivato quell’altro sui prezzi all’importazione cresciuti del 6% su gennaio 2016.

prezzi-import-germania

E poi da almeno due settimane ci sono quelle maledette cornacchie del Cronicario che starnazzano sull’inflazione.

Mentre ragionano, i banchieri centrali, guardano dati e tabelle in cerca di scappatoie.

inflazione-ez

Finché ne trovano una: è tutta colpa del petrolio. Ed ecco la parolina magica più usata a Francoforte in questi giorni: inflazione di fondo. Anzi, come dicono quello istruiti, inflazione core, senza energia e cibi freschi.

eurostat-inflazione-febbraio-componenti

Notate che l’inflazione senza energia e cibi freschi è inchiodata allo 0,9% e che il contributo maggiore alla crescita dell’indice l’ha dato l’energia, col 9,2% in più. Ma che succederà quando l’inflazione di fondo si sommerà a quella indotta da i beni energetici?

draghi

Nell’attesa che il gong finisca di rintronare i nostri pugili e l’incontro riprenda, possiamo distrarci guardando i dati della disoccupazione che, sempre nell’EZ, rimane stabile al 9,6%, ancora lontana dal minimo del 2007, quando stava a poco più del 7%, ma in deciso trend ribassista.

disoccupazione-eu

Noi stiamo ancora sopra la media, ma di buono c’è che diminuiscono gli inattivi, -42mila, salvo che per i più giovani (15-24 anni) dove sono aumentati. Spero che questi neo-inattivi siano diventati tali perché hanno ereditato. Si osserva che nel periodo novembre 2016-gennaio 2017 l’aumento di occupati rispetto al trimestre precedente, pari a 37 mila unità, +0,2%, riguarda in gran parte gli uomini ultracinquantenni, un trend peraltro confermato su base annuale. Quindi se siete giovani, non avete ereditato, né avete prospettive di eredità, avete solo una cosa da fare: le valigie.

A domani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...